sabato 03 dicembre | 12:47
pubblicato il 28/nov/2013 18:01

Immigrati: accordi Italia-Libia su controllo frontiere

Immigrati: accordi Italia-Libia su controllo frontiere

(ASCA) - Roma, 28 nov - La firma di due accordi che consentiranno di rafforzare la cooperazione bilaterale tra Italia e Libia nell'ambito del controllo delle frontiere, ''al fine di fronteggiare e ridurre l'emergenza immigrazione'' sono stati al centro oggi dei colloqui tra il Ministro della Difesa Mario Mauro ed il Ministro della Difesa della Libia Abdullah Al-Thinni ricevuto ricevuto a Palazzo Baracchini a Roma. Riferendosi alle recenti tragedie nel Mediterraneo, il ministro Mauro, riferisce una nota, ha espresso infatti la preoccupazione del Paese per la perdita di vite umane e per l'impatto destabilizzante causato dai flussi di immigrazione che attraversano la Libia e i suoi confini.

''Confini sicuri e stabili - ha detto il Ministro della Difesa - sono indispensabili per una corretta gestione dei flussi migratori e per proteggere i diritti fondamentali degli stessi migranti''. In particolare, il primo accordo siglato da Mauro e Al-Thinni prevede il supporto delle Autorita' libiche per le attivita' di controllo del confine Sud del Paese.

I due ministri hanno sottoscritto inoltre un accordo relativo alla formazione di personale libico: un'attivita' che migliorando la sicurezza comune contribuira' alla pace e alla stabilita' internazionale.

Nell'ottica di uno sviluppo delle capacita' nel settore della sorveglianza e della sicurezza marittima, nel corso del colloquio e' emersa anche la possibilita' di imbarcare ufficiali libici a bordo delle unita' navali italiane impegnate nell'Operazione ''Mare Nostrum'', e di avviare corsi di addestramento sull'impiego del V-RMTC (Virtual Maritime Traffic Centre).

Altro tema trattato durante la bilaterale, la Missione militare Italiana in Libia (MIL). Il Ministro Mauro ha ringraziato il suo omologo per il supporto garantito alla Missione, auspicando la firma di un Status of Forces Agreement (SOFA) che assicuri la necessaria tutela giuridica al personale italiano impiegato sul territorio libico.

gc/

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Censis
Censis: paura degli stranieri, immigrazione preoccupa 44% italiani
Censis
Bullismo, oltre metà 11-17enni ha subìto comportamenti offensivi
Altre sezioni
Salute e Benessere
Medici: atleti tendono a sovrastimare problemi cardiovascolari
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari