martedì 24 gennaio | 06:56
pubblicato il 28/nov/2013 18:01

Immigrati: accordi Italia-Libia su controllo frontiere

Immigrati: accordi Italia-Libia su controllo frontiere

(ASCA) - Roma, 28 nov - La firma di due accordi che consentiranno di rafforzare la cooperazione bilaterale tra Italia e Libia nell'ambito del controllo delle frontiere, ''al fine di fronteggiare e ridurre l'emergenza immigrazione'' sono stati al centro oggi dei colloqui tra il Ministro della Difesa Mario Mauro ed il Ministro della Difesa della Libia Abdullah Al-Thinni ricevuto ricevuto a Palazzo Baracchini a Roma. Riferendosi alle recenti tragedie nel Mediterraneo, il ministro Mauro, riferisce una nota, ha espresso infatti la preoccupazione del Paese per la perdita di vite umane e per l'impatto destabilizzante causato dai flussi di immigrazione che attraversano la Libia e i suoi confini.

''Confini sicuri e stabili - ha detto il Ministro della Difesa - sono indispensabili per una corretta gestione dei flussi migratori e per proteggere i diritti fondamentali degli stessi migranti''. In particolare, il primo accordo siglato da Mauro e Al-Thinni prevede il supporto delle Autorita' libiche per le attivita' di controllo del confine Sud del Paese.

I due ministri hanno sottoscritto inoltre un accordo relativo alla formazione di personale libico: un'attivita' che migliorando la sicurezza comune contribuira' alla pace e alla stabilita' internazionale.

Nell'ottica di uno sviluppo delle capacita' nel settore della sorveglianza e della sicurezza marittima, nel corso del colloquio e' emersa anche la possibilita' di imbarcare ufficiali libici a bordo delle unita' navali italiane impegnate nell'Operazione ''Mare Nostrum'', e di avviare corsi di addestramento sull'impiego del V-RMTC (Virtual Maritime Traffic Centre).

Altro tema trattato durante la bilaterale, la Missione militare Italiana in Libia (MIL). Il Ministro Mauro ha ringraziato il suo omologo per il supporto garantito alla Missione, auspicando la firma di un Status of Forces Agreement (SOFA) che assicuri la necessaria tutela giuridica al personale italiano impiegato sul territorio libico.

gc/

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Stop alla caccia di tordi e beccacce
Stop alla caccia di tordi e beccacce, appello delle associazioni
Rigopiano
Hotel Rigopiano, bilancio sale a 7 vittime: ancora 22 i dispersi
Maltempo
Maltempo, Sicilia in ginocchio: un morto nel Palermitano
Campidoglio
Roma, riparte maratona bilancio. Ok a emendamenti Giunta Raggi
Altre sezioni
Salute e Benessere
Digital Magics cede partecipazione in ProfumeriaWeb a Free Bird
Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Tutti a Montefalco per l'Anteprima Sagrantino
Turismo
Alla scoperta di Piacenza con Sorgentedelvino Live
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Sugli sci trainati dal drone: arriva il droneboarding
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4