mercoledì 18 gennaio | 13:54
pubblicato il 10/ott/2013 15:36

Immigrati: 32 mila lasciano Italia, persi 86 mln di gettito Irpef

Immigrati: 32 mila lasciano Italia, persi 86 mln di gettito Irpef

(ASCA) - Milano, 10 ott - La crisi economica spinge molti lavoratori extracomunitari ad abbandonare l'Italia con conseguenze negative - in termini di minori entrate - per le casse dello Stato. I dati che emergono dal 'Rapporto Annuale sull'Economia dell'Immigrazione 2013', realizzato dalla Fondazione Leone Moressa e presentato questa mattina a Milano, non lasciano spazio a dubbi: nel 2011 sono stati 32 mila gli stranieri che hanno lasciato il Bel Paese, e questo 'addio' ha privato le casse dello Stato di 86 milioni di euro di gettito Irpef. E' la dimostrazione, secondo la Fondazione Leone Moressa, che anche in questi anni di crisi gli stranieri rappresentano una risorsa per il territorio nazionale e per l'economia italiana. Lo testimoniano altri dati contenuti nel Rapporto: i 2,3 milioni di lavoratori immigrati (pari al 10,1% del totale degli occupati) versano infatti nelle casse dello Stato sotto forma di tasse 43,6 miliardi di euro ogni anno (pari al 5,4% del totale dichiarato), pagando di Irpef 6,5 miliardi di euro (il 4,3% del totale dell'imposta netta). Calcolatrice alla mano, si tratta di 2.973 euro versati ogni anno all'Erario da ciasuno immigrato presente sul territorio nazionale. Ma la crisi sta modificando progressivamente anche le prospettive economiche e occupazionali dei immigrati che iniziano a trovarsi per la prima volta in competizione con i nuovi disoccupati italiani. Cosi' dal 2008 al 2012 il tasso di disoccupazione e' aumentato anche per gli stranieri: un incremento di 5,6 punti percentuali (dall'8,1% all'14,1%) che riguarda 382 mila immigrati senza lavoro. La conseguenza: un calo anche nel volume delle cosiddette 'rimesse', crollate nell'ultimo anno del 7,6% dopo la flessione del 2,6% gia' registrata da 2009 e 2010. Anche il Ministro dell'Integrazione, Cecile Kyenge, ha partecipato questa mattina alla presetazione del Rapporto. Lo ha definito ''un documento molto importante'', osservando che ''ci aiuta a trovare soluzioni concrete per gestire al meglio il fenomeno dell'immigrazione e a fare chiarezza sper capire quale deve essere il nostro approccio alle politiche di accoglienza''. fcz/sam/

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Maltempo
Abruzzo ancora al buio, duecentomila persone senza corrente
Maltempo
Protezione civile, ancora allerta per nevicate e forti venti
Terremoti
Cnr: sisma fenomeno di contagio a cascata tra faglie adiacenti
Terremoti
Terremoto, sindaca Raggi riunisce il centro operativo comunale
Altre sezioni
Salute e Benessere
Salute, arriva dagli Usa il "Piatto unico bilanciato"
Motori
Moto, Ducati e Diesel insieme per una Diavel post-apocalittica
Enogastronomia
Nel 2016 consumi alimentari fuori casa +1,1%, domestici -0,1%
Turismo
Nel 2016 Roma è stata la meta italiana preferita dagli europei
Energia e Ambiente
Leader mondiali dell'industria danno vita all'Hydrogen Council
Moda
Moda, nasce Brandamour, nuovo polo del lusso Made in Italy
Scienza e Innovazione
Ricerca, piccole balene cibo preferito da squalo estinto Megalodon
TechnoFun
Rischi del web, ecco le 8 truffe che colpiscono gli italiani
Sistema Trasporti
Dal 26 marzo al via i nuovi voli da Milano-Malpensa