lunedì 23 gennaio | 10:06
pubblicato il 06/set/2012 14:28

Ilva/Taranto, bloccato l'arrivo delle polveri ai parchi minerari

Navi non potranno scaricare materie prime. Ilva chiede proroga

Ilva/Taranto, bloccato l'arrivo delle polveri ai parchi minerari

Taranto, 6 set. (askanews) - I carabinieri del Noe, su indicazione dei custodi giudiziari degli impianti di Ilva sequestrati il 26 luglio scorso, hanno notificato un provvedimento con cui si specifica che nell'area dei parchi minerari (75 ettari) non si possono continuare a scaricare le polveri minerali necessarie per la produzione degli altoforni. Le navi che portano il minerale all'Ilva potranno attraccare ma non scaricare sui nastri trasportatori le polveri ferrose. Il provvedimento, già vagliato sabato scorso nel corso dell'incontro in procura col pool di magistrati che indaga sul disastro ambientale, è una precauzione indicata dai custodi giudiziari per evitare il continuo "spolverio" dei minerali sui quartieri cittadini che si trovano a ridosso dello stabilimento ed abbassare i cumuli di polveri stoccati nell'area. L'azienda ha annunciato che chiederà una proroga per dilazionare l'esecutività del provvedimento e permettere almeno lo scarico delle navi in rada e delle commesse già inviate per impedire alle navi di tornare indietro cariche. Secondo fonti sindacali, col carbone e le altre polveri minerali attualmente stoccate nell'area parchi, Ilva ha un'autonomia fra i 15 ed i 30 giorni. ''Se si fermano gli altoforni, si ferma tutto il resto. Basta bloccare un solo anello per spezzare la catena'' dichiara il segretario della Uilm di Taranto, Antonio Talò. Proprio ieri l'Ilva aveva annunciato di aver adottato la bagnatura dei parchi minerari h24 per evitare lo spargimento di polveri sulla città. "Una misura inutile ed anche pericolosa" -ha commentato il procuratore della Repubblica Franco Sebastio - "le sentenze del passato ci dicono che bagnare le polveri è pericoloso: l'acqua sui cumuli di minerali filtra nel terreno sottostante e in assenza di un sistema di scolo convogliato e impermeabile, provoca ulteriore inquinamento. Così si aggiunge un'altra ipotesi di reato".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Maltempo
Valanga hotel Rigopiano, il numero dei dispersi sale a 24
Terremoti
Enel: diga Campotosto sicura ma deciso un ulteriore svuotamento
Terremoti
Terremoto, pres. Grandi rischi: dighe Campotosto rischio Vajont
Maltempo
Hotel Rigopiano, Curcio: c'è speranza di trovare dispersi vivi
Altre sezioni
Salute e Benessere
Nuove postazioni di telemedicina italiana no profit in Africa
Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Formaggi, yogurt, mozzarelle: ora obbligatorio indicare l'origine dellatte
Turismo
Via in Uruguay i 40 giorni del carnevale, il più lungo del mondo
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Spazio: da Cassini primo piano per Dafni, piccola luna di Saturno
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4