martedì 21 febbraio | 05:29
pubblicato il 05/feb/2013 15:14

Ilva: vento trascina in mare materiale fossile, nessuna emergenza

(ASCA) - Taranto, 5 feb - Questa mattina, poco prima delle 8:00, una quantita' di materiale fossile bachatsky, valutata intorno ai 50 Kg, e' caduta in mare a causa del vento durante le operazioni di scarico al secondo sporgente dalla nave Kambanos. Lo comunica una nota dell'Ufficio stampa dell'Ilva.

Non si tratta di materiale pericoloso e la quantita' trasportata dal vento e' esigua. Prima dello scarico, si legge nella nota, si e' provveduto come da procedura al bagnamento attraverso gli appositi fog cannon. La presenza del vento e la composizione particolarmente fine del carico hanno determinato lo spolverio del minerale che e' caduto in prossimita' della nave. Ilva ha immediatamente fatto intervenire i mezzi per la bonifica, il contenimento e il recupero del materiale dalla societa' Ecotaras.

La situazione e' sotto controllo, conclude l'Ilva, e non si segnala alcuna emergenza. Sono comunque in corso gli accertamenti da parte dei tecnici dell'Ilva e delle autorita' preposte.

com/mpd

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Taxi
Sciopero Taxi, base prepara blitz a Roma. Delrio: regolamentare
Roma
Roma, grave il bimbo di 3 mesi rapito dal padre a Monterotondo
Salute
Infarto, 1 struttura sanitaria su 2 non ripetta volumi ministero
Campidoglio
Roma, Grillo a Raggi: decidete voi e non fatevi influenzare
Altre sezioni
Salute e Benessere
Ordini Medici: pubblicità sanitaria selvaggia è allarme sociale
Motori
BMW presenta la nuova Serie 5 berlina
Enogastronomia
Verona Fiere, Evoo Days, al via il primo forum per filiera olio
Turismo
Turismo, Alpitour amplia la rete su Andalusia e Costa del Sol
Energia e Ambiente
Premio ai Vigili del fuoco per i voli su Amatrice e Rigopiano
Moda
Moda New York, la donna bon ton secondo Carolina Herrera
Scienza e Innovazione
Onde gravitazionali, inaugurato a Cascina l'Advanced Virgo
TechnoFun
Eutelsat a quota 1000 canali HD trasmessi su propria flotta
Sistema Trasporti
Ibar, Usa e Cina ancora al top per i voli dall'Italia