venerdì 20 gennaio | 19:55
pubblicato il 25/ott/2013 20:48

Ilva: sub commissario Ronchi, migliora la qualita' dell'aria

Ilva: sub commissario Ronchi, migliora la qualita' dell'aria

(ASCA) - Roma, 25 ott - I dati del monitoraggio della qualita' dell' aria ''vanno decisamente meglio''. Lo rende noto Edo Ronchi, sub-commissario Ilva. ''Ho ricevuto proprio oggi da ARPA Puglia -dichiara Ronchi- i dati aggiornati sui rilievi dell'inquinante che piu' preoccupa : il BaP -Benzo(a)Pirene- della Stazione Macchiavelli nel quartiere Tamburi ,confinante con l'ILVA, di Taranto. La media dei primi 8 mesi del 2013 e' di 0,15 nanogrammi /m'' (e di 0,10 negli ultimi 3 mesi) , a fronte dell'obiettivo di legge per la qualita' dell'aria pari a un nanogrammo/ m'', (quindi l'85% in meno del valore di norma) .Ricordo che le medie rilevate di BaP erano 1,82 nanogrammi/m'' nel 2010 e di 1,14 nanogrammi/m'' nel 2011 , quindi erano 12 volte maggiori nel 2010 e 7,6 volte maggiori nel 2011''. Ronchi ricorda inoltre che anche per l'altro inquinante che preoccupa, le polveri , vi sono dati molto migliorati.

''Da giugno a settembre - sottolinea - abbiamo registrato, sempre nella stazione Macchiavelli, un solo sforamento- 8 dall'inizio dell'anno ( la legge consente fino a 35 sforamenti annui del valore massimo giornaliero di 50 ug/m'', limite che molte citta' italiane non riescono a rispettare) . Nel 2011 gli sforamenti erano stati 38 da giugno a settembre e 45 in tutto l'anno. Siamo , sempre a settembre, come media dei primi nove mesi a 30,7 ug/m'', ben al di sotto del valore consentito dalla normativa vigente che prevede un massimo della media annuale pari a 40 ug/m''.

'' Ovviamente, osserva Ronchi, i ritardi nell'attuazione dell'AIA sono reali e hanno portato al Commissariamento dell'ILVA. ''Anche se non e' materialmente possibile recuperare in pochi mesi di commissariamento tutti i ritardi passati - conclude - in attesa dei nuovi tempi che saranno fissati, come prevede una norma di legge vigente, anche se sembra poco conosciuta , da un ormai prossimo decreto del Ministro dell'Ambiente che varera' il nuovo piano delle misure ambientali , e' stata data priorita' ad alcuni interventi (come la fermata di 6 cokerie, la chiusura di 13 kilometri di nastri, il dimezzamento dello stoccaggio di carbone e la chiusura delle coperture di 5 edifici ) in grado di produrre risultati consistenti nella riduzione delle emissioni : i dati citati stanno li a dimostrare l'efficacia di queste scelte ,anche se ancora molto si puo' fare per avere ulteriori miglioramenti''. com/mpd

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Maltempo
Hotel Rigopiano, estratte mamma e bimbo: in ospedale, stanno bene
Maltempo
Valanga Rigopiano, Soccorso alpino: trovati vivi 6 dispersi
Maltempo
Maltempo, vigili fuoco: in contatto con una donna e due bambini
Maltempo
Valanga Rigopiano, Soccorso alpino: morti accertati sono solo 2
Altre sezioni
Salute e Benessere
Asma e Bpco, 15% italiani soffre malattie respiratorie persistenti
Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Formaggi, yogurt, mozzarelle: ora obbligatorio indicare l'origine dellatte
Turismo
Via in Uruguay i 40 giorni del carnevale, il più lungo del mondo
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Spazio: da Cassini primo piano per Dafni, piccola luna di Saturno
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4