domenica 04 dicembre | 09:20
pubblicato il 20/ago/2012 15:41

Ilva/ Riesame:Reiterata volontà inquinante proprietà e dirigenti

"Innegabile inadeguatezza dei sistemi di protezione ambientale"

Ilva/ Riesame:Reiterata volontà inquinante proprietà e dirigenti

Taranto, 20 ago. (askanews) - Per i giudici del Riesame non ci sono dubbi sulle responsabilità dell'inquinamento ambientale dell'area dello stabilimento dell'Ilva di Taranto, determinato nel corso degli anni "attraverso una costante e reiterata attività inquinante posta in essere con coscienza e volontà, per la deliberata scelta della proprietà e dei gruppi dirigenti" dell'Ilva. I giudici del Riesame di Taranto, Morelli, Ruberto e Romano, nel confermare il sequestro senza facoltà d'uso dell'area a caldo dello stabilimento tarantino a cui sono stati posti i sigilli lo scorso 25 luglio, ribadiscono anche gli accertamenti svolti sulla qualità dell'aria, del suolo e dei reparti animali, dai periti del gip durante l'incidente probatorio e scrivono "la gravissima compromissione ambientale sopra descritta, consistente nella contaminazione di una vasta area di terreno compresa tra i territori dei Comuni di Statte e Taranto, che ha comportato ingenti danni economici alle locali aziende zootecniche, ma sopratutto ha creato una situazione di grave pericolo per la salute e la vita di un numero inderminato di persone, è stata causata dall'attività inquinante dello stabilimento siderurgico dell'Ilva, protrattasi per anni nonostante le osservazioni e i rilievi mossi al riguardo dalle autorità preposte alla salvaguardia dell'ambiente e della salute". Nel provvedimento, composto di 123 pagine, non ci sono dubbi sulle responsabilità di questo disastro "determinato nel corso degli anni, sino ad oggi, attraverso una costante e reiterata attività inquinante posta in essere con coscienza e volontà, per la deliberata scelta della proprietà e dei gruppi dirigenti". Così come sono adesso, gli impianti sequestrati, sono pericolosi e necessitano di lavori di adeguamento. "La descrizione dello stato degli impianti dello stabilimento Ilva di Taranto e le numerose e gravi criticità evidenziate dai periti chimici, dal Noe carabinieri di Lecce, dall'Arpa Puglia e dai consulenti tecnici dei pm, mette in luce, oltre alla oggettiva innegabile inadeguatezza dei sistemi di protezione ambientale adottati dal Gestore, una situazione di pericolo ancora in atto e di danno per l'ambiente circostante e, in definitiva, per la salute e la vita dei cittadini di Taranto, in particolare quelli residenti nei quartieri più prossimi all'area dello stabilimento (il rione Tamburi e il centro della città)".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari