sabato 21 gennaio | 15:06
pubblicato il 10/apr/2013 17:21

Ilva: Legambiente, ora azienda non ha alibi su obblighi risanamento

Ilva: Legambiente, ora azienda non ha alibi su obblighi risanamento

(ASCA) - Roma, 10 apr - ''Adesso l'Ilva non ha piu' alibi per il suo comportamento dilatorio e omissivo delle prescrizioni Aia''. Lo afferma Legambiente in una nota dopo il pronunciamento della Consulta sulla costituzionalita' alla legge salva-Ilva, che secondo la corte rispetta la Costituzione e non incide sul procedimento penale.

''Ora che la consulta si e' pronunciata sulla costituzionalita' della legge salva Ilva - commenta il vice presidente di Legambiente Stefano Ciafani - la si rispetti con rigore non solo nella parte che garantisce la produzione d'acciaio, mai bloccata in tutti questi mesi, ma anche in quella che chiede il risanamento degli impianti e la revisione dell'Aia per tenere conto del danno sanitario''.

Legambiente ricorda, inoltre, che ''il garante ha gia' certificato, sulla base delle ispezioni fatte dall'Ispra, che l'Ilva ha violato le prescrizioni dell'Aia. Vanno anche accelerate le bonifiche per rimuovere i tanti veleni sparsi sul territorio''.

L'associazione ambientalista afferma che ''non rinuncera' a far modificare la legge che estende a tutti gli stabilimenti industriali inquinanti che abbiano almeno 200 lavoratori la possibilita' di adottare una normativa d'emergenza dichiarandoli di interesse strategico nazionale, perche' di fatto va a stravolgere la normativa ambientale nel nostro paese''. Legambiente esprime gratitudine alla magistratura tarantina per la serieta' e il rigore con cui sta affrontando questa complessa vicenda, sicura che continuera' a perseguire tutti i reati contro l'ambiente e la salute.

''Se non si vuole che i cittadini tarantini perdano completamente la speranza nelle istituzioni - dichiara Lunetta Franco, presidente del circolo Legambiente Taranto - si dimostri seriamente che si vuole salvaguardare lavoro, salute e ambiente e non solo gli interessi dell'azienda. Si sappia che a Taranto i cittadini insieme alle tante organizzazioni della societa' civile che si sono mobilitate terranno alta l'attenzione e contrasteranno ogni tentativo di annacquare il risanamento'', conclude la nota. com-stt/gc

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Incidenti stradali
Schianto bus ungherese, a bordo 15-16enni in gita in Francia
Maltempo
Rigopiano, Vigili fuoco: trovati 10 superstiti, 5 già ricoverati
Maltempo
Maltempo, vigili fuoco: in contatto con una donna e due bambini
Incidenti stradali
Pullman ungherese si schianta e prende fuoco in A4, 16 morti
Altre sezioni
Salute e Benessere
Asma e Bpco, 15% italiani soffre malattie respiratorie persistenti
Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Formaggi, yogurt, mozzarelle: ora obbligatorio indicare l'origine dellatte
Turismo
Via in Uruguay i 40 giorni del carnevale, il più lungo del mondo
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Spazio: da Cassini primo piano per Dafni, piccola luna di Saturno
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4