mercoledì 07 dicembre | 12:15
pubblicato il 02/ago/2012 21:06

Ilva/ Domani il riesame su decreto sequestro e custodia cautelare

Tribunale discuterà decreto di sequestro e custodia cautelare

Ilva/ Domani il riesame su decreto sequestro e custodia cautelare

Taranto, 2 ago. (askanews) - Domani attesa per l'udienza del Tribunale del Riesame di Taranto sul decreto di sequestro dell'area a caldo degli impianti Ilva e l'ordinanza di custodia cautelare degli otto dirigenti del siderurgico ai domiciliari, firmata dal gip nell'ambito dell'inchiesta per disastro ambientale. L'udienza è prevista per le 9 in tribunale a Taranto. Il presidente dell'Ilva, Bruno Ferrante, ha spiegato che, nel corso dell'udienza, l'azienda presenterà "diverse memorie" ai magistrati. "Noi vogliamo fornire ai giudici del riesame un punto di vista diverso da quello che è stato sinora dato attraverso le perizie - ha detto Ferrante. Fino a questo momento non c'è stato dialogo con la Magistratura. Ma domani spiegheremo ai giudici cosa l'azienda ha fatto in questi anni, e quanto ha investito per ridurre l'impatto ambientale". Dall'altro lato il presidente dell'Ilva, dopo il vertice convocato oggi a Bari presso la presidenza della Regione dal Ministro dell'Ambiente Corrado Clini, ha anche annunciato che . "l'Ilva rinuncia ai ricorsi che aveva presentato contro la riapertura del procedimento per l'autorizzazione integrata ambientale (Aia)". "Basta con i conflitti - ha aggiunto -. E' arrivato il momento di avviare una stagione nuova di confronto e dialogo attorno a delle soluzioni che possano essere condivise e che riescano a coniugare l'ambiente, la salute, i lavoro e l'impresa. Presenteremo la rinuncia come segno di volontà di dialogare con il ministero dell'Ambiente e la Regione Puglia per trovare le soluzioni condivise". Dall'incontro a Bari è uscito anche un altro annuncio, quello del ministro Clini: lunedì partirà e si metterà al lavoro il tavolo tecnico sull'Ilva, dove siederanno il ministero dell'Ambiente, il ministero dello Sviluppo economico, la Regione Puglia e l'azienda Ilva, per trovare, in tempi brevi, soluzioni condivise riguardo allo stabilimento di Taranto. Clini si è detto molto soddisfatto del vertice nel capoluogo pugliese, evidenziando la condivisione unanime, di governo, enti locali, azienda, Confindustria e sindacati, della necessità e volontà di trovare un percorso comune da fare per garantire sostenibilità sociale e ambientale dello stabilimento Ilva. E domani a Roma al consiglio dei ministri, il governo adotterà "un provvedimento d'urgenza" per velocizzare le procedure di attuazione degli interventi per la bonifica e la tutela ambientale dell'impianto di Taranto previsti dal protocollo d'intesa del 26 luglio.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Droga
Frosinone, blitz antidroga di Polizia e Carabinieri: 50 arresti
Papa
Il papa: le chiese siano oasi di bellezza in periferie degradate
Camorra
Controllo piazze spaccio nel Salernitano: 21 ordinanze cautelari
Papa
Papa: terrorismo ammala e deforma religione, non c'è Dio di odio
Altre sezioni
Salute e Benessere
Robot indossabile ridà capacità di presa a persone quadriplegiche
Enogastronomia
Veronafiere,Danese:con Vinitaly salto qualità nei paesi asiatici
Turismo
Turismo, Federalberghi: + 12,9% per il Ponte dell'8 dicembre
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Robotica soft, macchine più versatili ispirate a piante e animali
Motori
Nuova Leon Cupra, più potenza e migliori prestazioni