domenica 11 dicembre | 10:55
pubblicato il 01/ago/2012 10:27

Ilva/ Clini: Impatto su salute c'è ma impianti sempre a norma

Rischi ambientali anche oggi evidenti, da accertare legame tumori

Ilva/ Clini: Impatto su salute c'è ma impianti sempre a norma

Roma, 1 ago. (askanews) - Gli "impatti ambientali" della produzione Ilva a Taranto "sono evidenti" ma gli impianti all'epoca dell'insorgere delle patolgie tumorali aumentate in quella zona "erano a norma" e oggi "è una relazione ancora aperta" da accertare quella del "rapporto di causa effetto" fra danni ambientali, rischi per la salute umana e aumento delle patologie tumorali. Lo ha sottolineato, fra l'altro, il ministro dell'Ambiente Corrado Clini, nel corso della sua informativa alla Camera sull'Ilva di Taranto. Clini ha riconosciuto la validità e la fondatezza della preoccupazione per i risultati delle indagini e degli studi richiesti anche dalla magistratura che attestano "evidenti eccessi di mortalità" e "aumento di patologie tumnorali" che "fanno riferimento presumibilmente a contaminazioni ambientali" a causa di impianti che però "a quel tempo operavano nel rispetto delle leggi". Dando atto all'Ilva che "lo stabilimento è stato progressivamente autorizzato nelle sue diverse fasi anche di aggiornamento tecnologico, produttivo, secondo le leggi vigenti" e ha "aggiornato tecnologie e sistemi produttivi via via delle richieste in continuo aggiornamento previste da leggi regionali, nazionali e da prescrizioni locali", con "drastico abbattimento" delle emissioni nocive. Quanto alla "situazione molto delicata" di Taranto, "il legame fra rischi ambientali e danno alla salute in presenza dell'aumento accertato di tasso tumnori richiede maggiori ricerche e accertamenti", poichè "i tumori sono patologie che hanno decorso di lungo tempo" e "i rischi ambientali sono quelli dei decenni passati" mentre "più compesso definire rapporti di causa-effetto con la situazione attuale degli impianti" che rappresenta dunque "una relazione aperta: si tratta di capire se tuttora impianti attuali costituiscono elemento di rischio".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Musica
Al Bano colpito da infarto e operato. "Ora sto bene"
Papa
Papa: cambiamenti climatici aggravati da negligenza umana
Altre sezioni
Salute e Benessere
Orecchie a sventola, clip rivoluziona intervento chirurgico
Enogastronomia
Furono i sardi i primi a produrre vino nel Mediterraneo
Turismo
Confesercenti: alberghi prenotati al 75% per Ponte Immacolata
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
All'Isola della Sostenibilità il mondo dell'economia circolare
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Le tecnologie spaziali che aiutano la sostenibilità
Motori
Flash Mob ai Fori per Amatrice con la Ferrari del record in Cina