lunedì 20 febbraio | 10:35
pubblicato il 02/set/2012 14:37

Ilva, Archinà passa una busta al perito, Gdf: una mazzetta

Il video del marzo 2010 riprende il dirigente e Liberti

Ilva, Archinà passa una busta al perito, Gdf: una mazzetta

Taranto, (askanews) - E' il 26 marzo del 2010 siamo sul retro di una stazione di servizio della A14, all'altezza di Acquaviva delle Fonti, fra Taranto e Bari. Le telecamere di sicurezza riprendono il dirigente per i rapporti istituzionali dell'Ilva Girolamo Archinà mentre passa una busta bianca al professor Lorenzo Liberti, consulente della Procura di Taranto nelle indagini sull'inquinamento provocato dalla fabbrica. Per gli inquirenti in quella busta ci sono 10mila euro, denaro che doveva servire ad ammorbidire la perizia sulle emissioni dello stabilimento siderurgico, rubricato alla voce "erogazioni liberali - omaggi e regalie".Il perito nega di aver ricevuto tangenti e sostiene che in quella busta ci fosse una bozza di accordo fra il Politecnico di Bari e l'Ilva per il futuro avvio di una facoltà di ingegneria siderurgica a Taranto.

Gli articoli più letti
Terremoti
A Norcia consegnate le chiavi delle prime casette post-sisma
Altre sezioni
Salute e Benessere
Ordini Medici: pubblicità sanitaria selvaggia è allarme sociale
Motori
BMW presenta la nuova Serie 5 berlina
Enogastronomia
"Benvenuto Brunello" Guida Rossa Michelin firma piastrella 2016
Turismo
Turismo, Alpitour amplia la rete su Andalusia e Costa del Sol
Energia e Ambiente
Premio ai Vigili del fuoco per i voli su Amatrice e Rigopiano
Moda
Moda New York, la donna bon ton secondo Carolina Herrera
Scienza e Innovazione
SpaceX, rinviato lancio del Falcon-9 dalla piattaforma Nasa 39-A
TechnoFun
Amazon, a tempo di record i lavori per nuovo centro vicino Roma
Sistema Trasporti
Ibar, Usa e Cina ancora al top per i voli dall'Italia