mercoledì 07 dicembre | 21:52
pubblicato il 02/set/2012 14:37

Ilva, Archinà passa una busta al perito, Gdf: una mazzetta

Il video del marzo 2010 riprende il dirigente e Liberti

Ilva, Archinà passa una busta al perito, Gdf: una mazzetta

Taranto, (askanews) - E' il 26 marzo del 2010 siamo sul retro di una stazione di servizio della A14, all'altezza di Acquaviva delle Fonti, fra Taranto e Bari. Le telecamere di sicurezza riprendono il dirigente per i rapporti istituzionali dell'Ilva Girolamo Archinà mentre passa una busta bianca al professor Lorenzo Liberti, consulente della Procura di Taranto nelle indagini sull'inquinamento provocato dalla fabbrica. Per gli inquirenti in quella busta ci sono 10mila euro, denaro che doveva servire ad ammorbidire la perizia sulle emissioni dello stabilimento siderurgico, rubricato alla voce "erogazioni liberali - omaggi e regalie".Il perito nega di aver ricevuto tangenti e sostiene che in quella busta ci fosse una bozza di accordo fra il Politecnico di Bari e l'Ilva per il futuro avvio di una facoltà di ingegneria siderurgica a Taranto.

Gli articoli più letti
Camorra
Intreccio camorra-politica: 11 arresti in Irpinia
Droga
Frosinone, blitz antidroga di Polizia e Carabinieri: 50 arresti
Maltempo
Allerta protezione civile: pioggia e temporali sulla Sicilia
Sicurezza
Gabrielli: militari non c'entrano con controllo territorio
Altre sezioni
Salute e Benessere
Robot indossabile ridà capacità di presa a persone quadriplegiche
Enogastronomia
Domenica 11 dicembre Cantine aperte a Natale
Turismo
Con Volagratis Capodanno low cost da Parigi al Mar Rosso
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
Roma, domani al via la terza "Isola della sostenibilità"
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Ricerca, da 2018 l'ERC tornerà a finanziare team multidisciplinari
Motori
Nuova Leon Cupra, più potenza e migliori prestazioni