domenica 11 dicembre | 13:12
pubblicato il 15/gen/2013 12:00

Ilva/ Acciaio sequestrato, si va alla Consulta

Restano sotto chiave 1,7 milioni di tonnellate di acciaio

Ilva/ Acciaio sequestrato, si va alla Consulta

Taranto, 15 gen. (askanews) - I giudici De Michele, De Tomasi e Ruberto del tribunale di Taranto, in funzione di giudice d'appello, hanno accolto l'istanza della Procura della Repubblica di Taranto inviando alla Corte costituzionale la legge 231 del 20 dicembre 2012 contro la quale i pm hanno sollevato questione di illegittimità costituzionale per la parte in cui consente all'Ilva di rientrare in possesso dell'acciaio sequestrato il 26 novembre 2012. Si tratta di un milione 700mila tonnellate di acciaio prodotto nei quattro mesi in cui gli impianti dell'area a caldo del siderurgico erano sotto sequestro, senza facoltà d'uso e senza autorizzazione alla produzione. Al tribunale d'Appello i legali dell'Ilva chiedevano di dissequestrare l'acciaio, del valore di un milione di euro, e restituirlo all'azienda così come previsto dalla legge approvata con larga maggioranza alla Camera. L'acciaio per ora resta sotto sigilli in attesa che sia la Consulta a pronunciarsi sulla legge cosiddetta "salva-Ilva".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Papa
Papa: prega per Aleppo. Guerra cumulo soprusi e falsità
Altre sezioni
Salute e Benessere
Orecchie a sventola, clip rivoluziona intervento chirurgico
Enogastronomia
Furono i sardi i primi a produrre vino nel Mediterraneo
Turismo
Confesercenti: alberghi prenotati al 75% per Ponte Immacolata
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
All'Isola della Sostenibilità il mondo dell'economia circolare
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Le tecnologie spaziali che aiutano la sostenibilità
Motori
Flash Mob ai Fori per Amatrice con la Ferrari del record in Cina