domenica 19 febbraio | 20:51
pubblicato il 15/gen/2013 12:00

Ilva/ Acciaio sequestrato, si va alla Consulta

Restano sotto chiave 1,7 milioni di tonnellate di acciaio

Ilva/ Acciaio sequestrato, si va alla Consulta

Taranto, 15 gen. (askanews) - I giudici De Michele, De Tomasi e Ruberto del tribunale di Taranto, in funzione di giudice d'appello, hanno accolto l'istanza della Procura della Repubblica di Taranto inviando alla Corte costituzionale la legge 231 del 20 dicembre 2012 contro la quale i pm hanno sollevato questione di illegittimità costituzionale per la parte in cui consente all'Ilva di rientrare in possesso dell'acciaio sequestrato il 26 novembre 2012. Si tratta di un milione 700mila tonnellate di acciaio prodotto nei quattro mesi in cui gli impianti dell'area a caldo del siderurgico erano sotto sequestro, senza facoltà d'uso e senza autorizzazione alla produzione. Al tribunale d'Appello i legali dell'Ilva chiedevano di dissequestrare l'acciaio, del valore di un milione di euro, e restituirlo all'azienda così come previsto dalla legge approvata con larga maggioranza alla Camera. L'acciaio per ora resta sotto sigilli in attesa che sia la Consulta a pronunciarsi sulla legge cosiddetta "salva-Ilva".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Terremoti
A Norcia consegnate le chiavi delle prime casette post-sisma
Altre sezioni
Salute e Benessere
Ordini Medici: pubblicità sanitaria selvaggia è allarme sociale
Motori
BMW presenta la nuova Serie 5 berlina
Enogastronomia
"Benvenuto Brunello" Guida Rossa Michelin firma piastrella 2016
Turismo
Turismo, Alpitour amplia la rete su Andalusia e Costa del Sol
Energia e Ambiente
Premio ai Vigili del fuoco per i voli su Amatrice e Rigopiano
Moda
Moda New York, la donna bon ton secondo Carolina Herrera
Scienza e Innovazione
SpaceX, rinviato lancio del Falcon-9 dalla piattaforma Nasa 39-A
TechnoFun
Amazon, a tempo di record i lavori per nuovo centro vicino Roma
Sistema Trasporti
Ibar, Usa e Cina ancora al top per i voli dall'Italia