venerdì 20 gennaio | 11:26
pubblicato il 24/ago/2012 20:45

Ilva/ A Taranto si 'indaga' anche sulle cozze

L'Arpa analizza per la procura le cozze a caccia di diossine

Ilva/ A Taranto si 'indaga' anche sulle cozze

Taranto, 25 ago. (askanews) - A Taranto si 'indaga' anche sulle cozze, per verificare se ci siano tracce di diossine riferibili all'Ilva. Il pool di magistrati guidato dal procuratore della Repubblica di Taranto Franco Sebastio che si occupa delle indagini per reati fra cui inquinamento, avvelenamento di sostanze alimentari e disastro ambientale a carico dei vertici dell'Ilva di Taranto, ha affidato all'Agenzia regionale per l'Ambiente, diretta da Giorgio Assennato, l'analisi chimica delle cozze provenienti dagli allevamenti del mar Piccolo di Taranto, distrutte lo scorso mese su decisione della Regione perché rese pericolose per la salute dall'inquinamento. Scopo delle analisi è quello di identificare, come già avvenuto in passato nel corso delle stesse indagini per formaggi e carni provenienti da allevamenti vicini al colosso siderurgico, le impronte digitali delle sostanze killer, come la diossina, in modo da stabilirne la provenienza. Sospettato numero uno, l'Ilva. L'analisi dell'Arpa potrebbe essere uno degli ultimi tasselli all'inchiesta, avviata circa due anni fa, che di recente ha portato all'arresto di Emilio e Nicola Riva, Luigi Capogrosso ed altri cinque dirigenti del siderurgico, nonché al sequestro degli impianti dell'area a caldo dell'acciaieria più grande d'Europa. "Dal punto di vista dei capi d'imputazione non cambierebbe nulla - commenta il procuratore Sebastio - si rientrerebbe sempre nel reato di avvelenamento di sostanze alimentari. Dopo carni e formaggi infettati, l'inchiesta si estenderebbe anche alle cozze, con effetti dal punto di vista risarcitorio". Solo nell'estate 2012, infatti, secondo quanto dichiarato dai mitilicoltori tarantini, sono andate distrutte circa venti tonnellate di cozze provenienti dal primo seno del mar Piccolo, per un valore commerciale attorno ai 4 milioni di euro. Oltre venti cooperative di allevatori di mitili interessate dal provvedimento di distruzione, nel caso in cui si accertasse la responsabilità di Ilva nell'avvelenamento con sostanze pericolose per la salute, potrebbero chiedere i danni al siderurgico.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Maltempo
Valanga hotel Rigopiano, recuperata una vittima
Maltempo
Valanga su hotel, vigili fuoco: distrutto, parti non esistono più
Maltempo
Prot. Civile: due le vittime accertate all'Hotel Rigopiano
Campidoglio
Raggi: la Giunta capitolina approva emendamento a Bilancio
Altre sezioni
Salute e Benessere
Asma e Bpco, 15% italiani soffre malattie respiratorie persistenti
Motori
Moto, Ducati e Diesel insieme per una Diavel post-apocalittica
Enogastronomia
Consorzio Valpolicella: in Usa il 10% della produzione di Amarone
Turismo
Da Bookingfax una App per riportare turisti in Agenzia di viaggio
Energia e Ambiente
Ambientalisti italiani in piazza per Trump
Moda
Moda, dopo Milano Brandamour apre uno show room anche a New York
Scienza e Innovazione
Alibaba diventa partner delle Olimpiadi fino al 2028
TechnoFun
Italiaonline si conferma prima internet company italiana
Sistema Trasporti
TomTom City, la piattaforma monitora il traffico in tempo reale