venerdì 09 dicembre | 10:43
pubblicato il 17/mar/2014 12:00

Il Tar sospende il divieto ai tour delle grandi navi a Venezia

Ordinanza Capitaneria in contrasto con il decreto Clini-Passera

Il Tar sospende il divieto ai tour delle grandi navi a Venezia

Roma, 17 mar. (askanews) - Sospese dal Tar del Veneto le limitazioni ai passaggi delle navi da crociera nel Canale di San Marco e nel Canale della Giudecca a Venezia, varate lo scorso novembre dal governo Monti con il decreto Clini-Passera e in vigore da gennaio 2014. La Prima sezione del Tribunale amministrativo regionale ha infatti accolto il ricorso presentato dalla Venezia Terminal Passeggeri (Vtp) contro un'ordinanza della Capitaneria di Porto di Venezia che prevedeva la limitazione del transito nel canale della Giudecca di navi passeggeri di stazza lorda superiore a 40.000 tonnellate per l'anno 2014; il divieto per l'anno 2015 del transito nel Canale di San Marco e nel Canale della Giudecca di navi passeggeri di stazza lorda superiori a 96.000 tonnellate. La VTP aveva presentato ricorso anche contro le direttive del Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti alla Capitaneria di Porto sull'adozione delle misure di mitigazione per il periodo transitorio 2014 e 2015. Secondo i giudici le limitazioni previste dall'ordinanza della Capitaneria "benché formalmente previste per dare seguito a quanto disposto dal Decreto Interministeriale n. 79/2012, risultano stabilite in assenza dello specifico presupposto richiesto per la relativa adozione", ovvero l'indicazione "di praticabili vie di navigazione alternative a quelle vietate. Le misure in esame si pongono conseguentemente in contrasto con lo specifico principio di gradualità enunciato dal D.M. n.79/2012, in base al quale l'interdizione del transito può essere consentita solo a partire dal momento dell'effettiva disponibilità di una via alternativa". Inoltre l'ordinanza "non appare sostenuta da una adeguata attività istruttoria preliminare, volta all'identificazione dei rischi connessi ai traffici nei canali in questione e ai transiti delle navi con stazza superiore a 40.000 tonnellate". D'altra parte anche le direttive del Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti alla Capitaneria di Porto "appaiono viziate dai medesimi difetti di genericità e indeterminatezza". Per questi motivi il Tribunale ha sospeso tutti gli atti impugnati, fissando per la trattazione di merito del ricorso l'udienza pubblica del 12 giugno 2014.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Immigrati
A Pozzallo sbarcati 573 migranti: duecento soccorsi in ipotermia
Papa
Papa: prego per bambini, famiglie che fanno fatica e lavoratori
Roma
Trovato a Roma cadavere,potrebbe essere giovane cinese scomparsa
Altre sezioni
Salute e Benessere
Orecchie a sventola, clip rivoluziona intervento chirurgico
Enogastronomia
Domenica 11 dicembre Cantine aperte a Natale
Turismo
Con Volagratis Capodanno low cost da Parigi al Mar Rosso
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
Roma, domani al via la terza "Isola della sostenibilità"
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Ricerca, da 2018 l'ERC tornerà a finanziare team multidisciplinari
Motori
Flash Mob ai Fori per Amatrice con la Ferrari del record in Cina