lunedì 20 febbraio | 10:31
pubblicato il 17/mar/2014 12:00

Il Tar sospende il divieto ai tour delle grandi navi a Venezia

Ordinanza Capitaneria in contrasto con il decreto Clini-Passera

Il Tar sospende il divieto ai tour delle grandi navi a Venezia

Roma, 17 mar. (askanews) - Sospese dal Tar del Veneto le limitazioni ai passaggi delle navi da crociera nel Canale di San Marco e nel Canale della Giudecca a Venezia, varate lo scorso novembre dal governo Monti con il decreto Clini-Passera e in vigore da gennaio 2014. La Prima sezione del Tribunale amministrativo regionale ha infatti accolto il ricorso presentato dalla Venezia Terminal Passeggeri (Vtp) contro un'ordinanza della Capitaneria di Porto di Venezia che prevedeva la limitazione del transito nel canale della Giudecca di navi passeggeri di stazza lorda superiore a 40.000 tonnellate per l'anno 2014; il divieto per l'anno 2015 del transito nel Canale di San Marco e nel Canale della Giudecca di navi passeggeri di stazza lorda superiori a 96.000 tonnellate. La VTP aveva presentato ricorso anche contro le direttive del Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti alla Capitaneria di Porto sull'adozione delle misure di mitigazione per il periodo transitorio 2014 e 2015. Secondo i giudici le limitazioni previste dall'ordinanza della Capitaneria "benché formalmente previste per dare seguito a quanto disposto dal Decreto Interministeriale n. 79/2012, risultano stabilite in assenza dello specifico presupposto richiesto per la relativa adozione", ovvero l'indicazione "di praticabili vie di navigazione alternative a quelle vietate. Le misure in esame si pongono conseguentemente in contrasto con lo specifico principio di gradualità enunciato dal D.M. n.79/2012, in base al quale l'interdizione del transito può essere consentita solo a partire dal momento dell'effettiva disponibilità di una via alternativa". Inoltre l'ordinanza "non appare sostenuta da una adeguata attività istruttoria preliminare, volta all'identificazione dei rischi connessi ai traffici nei canali in questione e ai transiti delle navi con stazza superiore a 40.000 tonnellate". D'altra parte anche le direttive del Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti alla Capitaneria di Porto "appaiono viziate dai medesimi difetti di genericità e indeterminatezza". Per questi motivi il Tribunale ha sospeso tutti gli atti impugnati, fissando per la trattazione di merito del ricorso l'udienza pubblica del 12 giugno 2014.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Terremoti
A Norcia consegnate le chiavi delle prime casette post-sisma
Altre sezioni
Salute e Benessere
Ordini Medici: pubblicità sanitaria selvaggia è allarme sociale
Motori
BMW presenta la nuova Serie 5 berlina
Enogastronomia
"Benvenuto Brunello" Guida Rossa Michelin firma piastrella 2016
Turismo
Turismo, Alpitour amplia la rete su Andalusia e Costa del Sol
Energia e Ambiente
Premio ai Vigili del fuoco per i voli su Amatrice e Rigopiano
Moda
Moda New York, la donna bon ton secondo Carolina Herrera
Scienza e Innovazione
SpaceX, rinviato lancio del Falcon-9 dalla piattaforma Nasa 39-A
TechnoFun
Amazon, a tempo di record i lavori per nuovo centro vicino Roma
Sistema Trasporti
Ibar, Usa e Cina ancora al top per i voli dall'Italia