sabato 03 dicembre | 22:47
pubblicato il 17/giu/2014 09:27

Il presunto assassino di Yara lascia la caserma fra gli insulti

L'uomo si è avvalso della facoltà di non rispondere

Il presunto assassino di Yara lascia la caserma fra gli insulti

Bergamo (askanews) - A Bergamo una piccola folla ha accompagnato con urla e insulti l'uscita dal comando provinciale dei carabinieri di Massimo Giuseppe Bossetti, il presunto assassino di Yara Gambirasio, diretto sotto scorta verso il carcere. Il suo dna coincide al 99,99% con quello rinvenuto sul corpo della ragazzina scomparsa nel novembre 2010 e trovata morta tre mesi dopo. Durante il suo primo interrogatorio l'accusato, un 44enne sposato con tre figli, si è avvalso della facoltà di non rispondere sapere il suo avvocato, nominato d'ufficio, Silvia Gazzetti. "E' un fermo, è solo un indiziato di delitto". Bossetti, ha dichiarato l'avvocato, ha detto di "essere sereno".

Gli articoli più letti
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari