lunedì 05 dicembre | 13:35
pubblicato il 07/nov/2012 12:05

Il neo prefetto di Napoli: repressione e prevenzione non bastano

Musolino, in arrivo da Genova, a Napoli dal novembre 2012

Il neo prefetto di Napoli: repressione e prevenzione non bastano

Napoli (askanews) - La lotta alla camorra, la faida di Scampia, i disoccupati organizzati. Sono solo alcuni dei problemi che dovrà affrontare Francesco Musolino, calabrese, neo prefetto di Napoli. "La repressione o la prevenzione - ha dichiarato - non possono essere sufficienti. Bisogna intervenire a monte per evitare che certi fenomeni si possano sviluppare". Musolino si è presentato alla stampa partenopea in prefettura dopo aver incontrato i vertici delle istituzioni locali e regionali. Arriva da Genova, ma ha avuto esperienze a Crotone, Cosenza, Milano e Reggio Calabria. Il neoprefetto ha esorditodicendo di non aver ancora elementi per poter rispondere a domande specifiche e per conoscere la realtà napoletana, ma che il suo stato di "straniero" a Napoli, potrebbe anche essere un vantaggio. "Dall'esterno si possono vedere delle cose alle quali si sono abituati tutti". Sulla faida di Scampia per il controllo delle piazze di spaccio, Musolino ha detto che "la militarizzazione non è la soluzione. Bisogna agire a monte e occorre lo sforzo di tutti", ha concluso.

Gli articoli più letti
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari