lunedì 23 gennaio | 14:17
pubblicato il 15/apr/2011 15:30

Il dramma della prostituzione minorile nelle città italiane

Ragazzi giovanissimi che si vendono per fame o per droga

Il dramma della prostituzione minorile nelle città italiane

Si nascondono nel buio delle strade delle città italiane, invisibili a tutti, ma non ai loro clienti. Sono i ragazzi minorenni che si prostituiscono, a Firenze, Milano, Roma, Torino, Napoli. Sono bengalesi, nigeriani, romeni, italiani, tutti giovanissimi. Uno di loro, arrivato dalla Romania, racconta la sua storia. C'è chi lo fa per fame, gli italiani soprattutto per la droga, qualcuno lo fa per pagarsi gli studi. Alcune associazioni cercano di dare una mano, per esempio i volontari di Dedalus che percorrono le strade di Napoli offrendo bevande, cibo, preservativi, come spiega l'operatore sociale Luca Oliviero. Cercare di toglierli dalla strada è difficile. Un'ulteriore difficoltà è data dal fatto che molti dei ragazzi girano l'Italia, si spostano fra Nord e Sud, a volte anche all'estero, sempre in attesa nel buio delle strade del prossimo cliente.

Gli articoli più letti
Maltempo
Valanga hotel Rigopiano, il numero dei dispersi sale a 24
Terremoti
Enel: diga Campotosto sicura ma deciso un ulteriore svuotamento
Terremoti
Terremoto, pres. Grandi rischi: dighe Campotosto rischio Vajont
Maltempo
Hotel Rigopiano, Curcio: c'è speranza di trovare dispersi vivi
Altre sezioni
Salute e Benessere
Nuove postazioni di telemedicina italiana no profit in Africa
Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Tutti a Montefalco per l'Anteprima Sagrantino
Turismo
Via in Uruguay i 40 giorni del carnevale, il più lungo del mondo
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Samsung: incidenti del Galaxy Note 7 causati da batteria
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4