domenica 26 febbraio | 02:09
pubblicato il 15/apr/2011 15:30

Il dramma della prostituzione minorile nelle città italiane

Ragazzi giovanissimi che si vendono per fame o per droga

Il dramma della prostituzione minorile nelle città italiane

Si nascondono nel buio delle strade delle città italiane, invisibili a tutti, ma non ai loro clienti. Sono i ragazzi minorenni che si prostituiscono, a Firenze, Milano, Roma, Torino, Napoli. Sono bengalesi, nigeriani, romeni, italiani, tutti giovanissimi. Uno di loro, arrivato dalla Romania, racconta la sua storia. C'è chi lo fa per fame, gli italiani soprattutto per la droga, qualcuno lo fa per pagarsi gli studi. Alcune associazioni cercano di dare una mano, per esempio i volontari di Dedalus che percorrono le strade di Napoli offrendo bevande, cibo, preservativi, come spiega l'operatore sociale Luca Oliviero. Cercare di toglierli dalla strada è difficile. Un'ulteriore difficoltà è data dal fatto che molti dei ragazzi girano l'Italia, si spostano fra Nord e Sud, a volte anche all'estero, sempre in attesa nel buio delle strade del prossimo cliente.

Gli articoli più letti
Roma
Spari davanti a discoteca di Roma: un fermato e un denunciato
Maltempo
Allerta temporali su Puglia, Basilicata, Calabria e Sicilia
Terrorismo
Isis, espulsi 2 tunisini: uno era tra i contatti di Amri
Papa
Papa ai parroci: siate vicini ai giovani che scelgono di convivere
Altre sezioni
Salute e Benessere
Fibrosi polmonare idiopatica, al Gemelli seminario internazionale
Motori
L'agricoltura del futuro: Case IH presenta il trattore autonomo
Enogastronomia
Ricerca Gfk: l'identikit dei nuovi consumatori al supermercato
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
Progetto Life-Nereide: asfalto silenzioso da materiale riciclato
Moda
Nuova linea ready-to-wear de La Perla: sensuali giacche corsetto
Scienza e Innovazione
Esa, Vega: nel 2018 opportunità di volo per minisatelliti multipli
TechnoFun
Google crea strumento intelligenza artificiale anti-trolls
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech