mercoledì 22 febbraio | 17:48
pubblicato il 29/ago/2011 17:13

Il dramma del racket a vent'anni dall'omicidio di Libero Grassi

Tano Grasso: più assistenza ma in pochi denunciano

Il dramma del racket a vent'anni dall'omicidio di Libero Grassi

Sono passati 20 anni dall'omicidio per mano della mafia siciliana dell'impreditore catanese Libero Grassi. Nel 1991 con una lettera al Giornale di Sicilia denunciò i tentativi di estorsione subiti e per questo venne ucciso sette mesi più tardi davanti alla sua fabbrica a Palermo, il 29 agosto. Nel giorno dell'anniversario cerimonie e commemorazioni hanno riacceso il suo ricordo in Sicilia e in altre città italiane e dato un'occasione per riflettere sul problema del racket 20 anni dopo. Tano Grasso è il presidente onorario della federazione antitracket.Fra i ricordi più sentiti quello del Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano che in un messaggio alla moglie di Libero Grassi lo ha definito "un riferimento essenziale della rivolta contro il racket e la pressione mafiosa".

Gli articoli più letti
Vaticano
Vaticano: sorveglieremo per evitare abusi di simboli Santa Sede
Carige
Truffa a Carige, l'ex presidente Berneschi condannato a 8 anni
Chiesa
Presunti festini gay a Napoli, il card. Sepe sospende sacerdote
Campidoglio
Grillo in Campidoglio: su stadio Roma decidono Raggi e Consiglio
Altre sezioni
Salute e Benessere
Carnevale, allarme dermatologi: attenzione a trucchi e maschere
Motori
Man lancia due iniziative per salute e sicurezza degli autisti
Enogastronomia
150 ettari oliveto sul mare a Menfi, prende vita progetto Planeta
Turismo
Lourdes, destinazione turistica a 360 gradi
Energia e Ambiente
Una legge per istituire la Giornata del risparmio energetico
Moda
A Londra apre una mostra su Lady Diana, icona della moda
Scienza e Innovazione
Spazio, astronauti italiani e cinesi lavoreranno fianco a fianco
TechnoFun
La Cina leader nel mondo delle app per abbellire i selfie
Sistema Trasporti
Transpotec e SaMoTer: alleanza Milano-Verona modello per il Paese