lunedì 05 dicembre | 01:46
pubblicato il 29/ago/2011 17:13

Il dramma del racket a vent'anni dall'omicidio di Libero Grassi

Tano Grasso: più assistenza ma in pochi denunciano

Il dramma del racket a vent'anni dall'omicidio di Libero Grassi

Sono passati 20 anni dall'omicidio per mano della mafia siciliana dell'impreditore catanese Libero Grassi. Nel 1991 con una lettera al Giornale di Sicilia denunciò i tentativi di estorsione subiti e per questo venne ucciso sette mesi più tardi davanti alla sua fabbrica a Palermo, il 29 agosto. Nel giorno dell'anniversario cerimonie e commemorazioni hanno riacceso il suo ricordo in Sicilia e in altre città italiane e dato un'occasione per riflettere sul problema del racket 20 anni dopo. Tano Grasso è il presidente onorario della federazione antitracket.Fra i ricordi più sentiti quello del Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano che in un messaggio alla moglie di Libero Grassi lo ha definito "un riferimento essenziale della rivolta contro il racket e la pressione mafiosa".

Gli articoli più letti
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari