martedì 21 febbraio | 06:43
pubblicato il 03/giu/2011 13:01

Il Cile apre un'inchiesta sulla morte del poeta Pablo Neruda

Per alcuni testimoni sarebbe stato ucciso

Il Cile apre un'inchiesta sulla morte del poeta Pablo Neruda

La magistratura cilena dopo 38 anni ha aperto un'inchiesta sulla morte del poeta Pablo Neruda. La richiesta è arrivata dal partito comunista che, come si vede in queste immagini, ha consegnato la pratica al giudice Mario Carroza, lo stesso che si sta occupando delle indagini sulla morte dell'ex presidente Allende. Neruda morì ufficialmente per cancro in una clinica di Santiago nel 1973 a due settimane dal colpo di Stato del dittatore Pinochet. Il suo autista sostiene che gli furono inoculanti dei calmanti mortali dagli agenti segreti della dittatura. E non è l'unico testimone come spiega l'avvocato Eduardo Contreras."Anche la stampa all'epoca dice curiosamente che nel pomeriggio di domenica 23 al poeta iniettarono per i suoi dolori una sostanza calmante, però, dice la stampa dell'epoca quantomeno l'unica permessa, questo gli aveva prodotto choc che ha provocato un arresto cardiaco"

Gli articoli più letti
Taxi
Sciopero Taxi, base prepara blitz a Roma. Delrio: regolamentare
Roma
Roma, grave il bimbo di 3 mesi rapito dal padre a Monterotondo
Salute
Infarto, 1 struttura sanitaria su 2 non ripetta volumi ministero
Campidoglio
Roma, Grillo a Raggi: decidete voi e non fatevi influenzare
Altre sezioni
Salute e Benessere
Ordini Medici: pubblicità sanitaria selvaggia è allarme sociale
Motori
BMW presenta la nuova Serie 5 berlina
Enogastronomia
Verona Fiere, Evoo Days, al via il primo forum per filiera olio
Turismo
Turismo, Alpitour amplia la rete su Andalusia e Costa del Sol
Energia e Ambiente
Premio ai Vigili del fuoco per i voli su Amatrice e Rigopiano
Moda
Moda New York, la donna bon ton secondo Carolina Herrera
Scienza e Innovazione
Onde gravitazionali, inaugurato a Cascina l'Advanced Virgo
TechnoFun
Eutelsat a quota 1000 canali HD trasmessi su propria flotta
Sistema Trasporti
Ibar, Usa e Cina ancora al top per i voli dall'Italia