sabato 10 dicembre | 13:54
pubblicato il 03/nov/2014 19:46

Il caso Cucchi scuote la Rete, su Twitter hashtag #sonoStatoio

Celentano: giudici ignavi, Jovanotti: famiglia Cucchi è la mia

Il caso Cucchi scuote la Rete, su Twitter hashtag #sonoStatoio

Roma, (askanews) - Il caso Cucchi finisce sui social network: su Twitter è stato lanciato un hashtag, #sonoStatoio - con cui si accusa lo Stato di non aver trovato i colpevoli della morte del giovane geometra 32enne avvenuta nel 2009 nel reparto protetto dell'ospedale Sandro Pertini, una settimana dopo il suo arresto per possesso di droga. Post accompagnati da foto in stile segnaletico e il cartello 'sonoStatoio'.

Dai comuni utenti fino ai personaggi dello spettacolo. Il caso ha scosso la Rete. Tanto che Celentano, sul suo blog, ha scritto una lettera idealmente indirizzata al giovane: "Hai visto Stefano in che mondo vivevi? Pieno di giudici ignavi", ha scritto il Molleggiato.

Lungo post su Facebook anche di Jovanotti: "A me Stefano Cucchi sembra di conoscerlo. Questa famiglia potrebbe essere la mia, e la famiglia di tantissima gente, per questo ci si sta male, ci si commuove e ci si arrabbia, e ci si vorrebbe stringere a questa famiglia".

Gli articoli più letti
Natale
Albero rosso e oro per il Natale alla Galleria Alberto Sordi
Papa
Papa: cambiamenti climatici aggravati da negligenza umana
Musica
Al Bano colpito da infarto e operato. "Ora sto bene"
Altre sezioni
Salute e Benessere
Orecchie a sventola, clip rivoluziona intervento chirurgico
Enogastronomia
Furono i sardi i primi a produrre vino nel Mediterraneo
Turismo
Confesercenti: alberghi prenotati al 75% per Ponte Immacolata
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
All'Isola della Sostenibilità il mondo dell'economia circolare
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Europei, Olimpiadi e terremoto, il 2016 su Facebook in Italia
Motori
Flash Mob ai Fori per Amatrice con la Ferrari del record in Cina