martedì 21 febbraio | 06:25
pubblicato il 12/set/2013 16:04

Il 16 partono i lavori per la rotazione della Costa Concordia

La nave rimarrà al Giglio fino alla primavera

Il 16 partono i lavori per la rotazione della Costa Concordia

Roma (askanews) - Il gigante sta per rialzare la testa. L'intervento per il raddrizzamento della Costa Concordia, naufragata davanti all'isola del Giglio il 13 gennaio 2012, "potrebbe cominciare alle ore 6 del 16 settembre" condizioni meteo permettendo. Lo ha confermato il capo di Dipartimento della Protezione Civile, Franco Gabrielli, presentando il "Parabuckling project", il progetto per la rotazione di 65 della grande nave da crociera.Poi una volta, messa in sicurezza, Costa Concordia rimarrà al Giglio almeno fino alla prossima primavera, quando probabilmente sarà portata a Piombino per lo smaltimento.Il costo totale delle faraoniche operazioni di rimozione parte da 600 milioni di euro, e Gabrielli ha assicurato che tutti i costi dell'intervento sono a carico della Costa e delle assicurazioni. Per il contribuente italiano l'operazione è a costo zero, ma la ferita all'Isola del Giglio e i 32 morti restano.

Gli articoli più letti
Taxi
Sciopero Taxi, base prepara blitz a Roma. Delrio: regolamentare
Roma
Roma, grave il bimbo di 3 mesi rapito dal padre a Monterotondo
Salute
Infarto, 1 struttura sanitaria su 2 non ripetta volumi ministero
Campidoglio
Roma, Grillo a Raggi: decidete voi e non fatevi influenzare
Altre sezioni
Salute e Benessere
Ordini Medici: pubblicità sanitaria selvaggia è allarme sociale
Motori
BMW presenta la nuova Serie 5 berlina
Enogastronomia
Verona Fiere, Evoo Days, al via il primo forum per filiera olio
Turismo
Turismo, Alpitour amplia la rete su Andalusia e Costa del Sol
Energia e Ambiente
Premio ai Vigili del fuoco per i voli su Amatrice e Rigopiano
Moda
Moda New York, la donna bon ton secondo Carolina Herrera
Scienza e Innovazione
Onde gravitazionali, inaugurato a Cascina l'Advanced Virgo
TechnoFun
Eutelsat a quota 1000 canali HD trasmessi su propria flotta
Sistema Trasporti
Ibar, Usa e Cina ancora al top per i voli dall'Italia