sabato 25 febbraio | 03:13
pubblicato il 10/apr/2011 19:45

I tedeschi sono felici, gli italiani no. Lo dice Twitter

La ricerca di uno studente Usa sui tweet degli utenti

I tedeschi sono felici, gli italiani no. Lo dice Twitter

I tedeschi sono i più felici, gli americani se la cavano, mentre gli italiani sono fra i più tristi. A dirlo è una classifica che usa un indicatore mai sfruttato finora: Twitter. L'idea è venuta ad un dottorando dell'Università di Cambridge, Alex Davies, che ha spulciato tutti i tweet del social network in cui comparivano parole legate a sensazioni o situazioni felici e li ha divisi a seconda della provenienza dell'utente. La sua ricerca ha stabilito che la Germania è lo Stato da cui provengono più tweet di gioia, quantomeno tutta quella che si riesce a far entrare in 140 caratteri, mentre gli Stati Uniti sono al quarto posto e l'Italia in fondo alla classifica. A livello nazionale invece, Davies sostiene che lo Stato più felice è il Tennessee, mentre in Nevada prevale la tristezza, almeno quella virtuale.

Gli articoli più letti
Roma
Roma, truffe con falsi incidenti: arrestati 6 medici e 2 avvocati
Napoli
Napoli, assenteismo ospedale Loreto Mare: 94 indagati, 55 arresti
Campidoglio
Roma, Raggi in ospedale per controlli dopo un lieve malore
Campidoglio
Roma, medici: Raggi in netto miglioramento, si valuta uscita
Altre sezioni
Salute e Benessere
Fibrosi polmonare idiopatica, al Gemelli seminario internazionale
Motori
L'agricoltura del futuro: Case IH presenta il trattore autonomo
Enogastronomia
Ricerca Gfk: l'identikit dei nuovi consumatori al supermercato
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
Progetto Life-Nereide: asfalto silenzioso da materiale riciclato
Moda
Nuova linea ready-to-wear de La Perla: sensuali giacche corsetto
Scienza e Innovazione
Esa, Vega: nel 2018 opportunità di volo per minisatelliti multipli
TechnoFun
Google crea strumento intelligenza artificiale anti-trolls
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech