lunedì 20 febbraio | 12:31
pubblicato il 24/apr/2011 12:27

I riti arcaici e cruenti della Pasqua, i battenti di Verbicaro

A Catanzaro applausi per la processione della "Naca"

I riti arcaici e cruenti della Pasqua, i battenti di Verbicaro

Sacro rito arcaico, reminiscenza pagana e tradizione popolare. Sono molteplici le suggestioni che si mescolano nella cerimonia dei battenti a Verbicaro, che va in scena in questo paese del Cosentino ogni Pasqua. La notte del giovedì Santo alcuni giovani vestiti di rosso si riversano nelle strade del Paese. Prima si schiaffeggiano per far affluire il sangue alle gambe, poi iniziano a colpirsi col tradizionale cardillo, un pezzo di sughero che nasconde piccole schegge di vetro affilate. Il sangue sgorga copioso e viene bagnato, per disinfettare, con del vino. La cerimonia prevede che i battenti facciano il giro del Paese tre volte, continuando a ferirsi e segnando le strade con le mani sporche di sangue.Catanzaro invece ha accolto fra gli applausi la Naca, tradizionale processione che affonda le radici nel seicento. La Naca ornata di angeli damaschi e seta, viene portata a spalla dalle Forze dell'Ordine. Il suo nome deriva dal greco e significa "culla".

Gli articoli più letti
Terremoti
A Norcia consegnate le chiavi delle prime casette post-sisma
Altre sezioni
Salute e Benessere
Ordini Medici: pubblicità sanitaria selvaggia è allarme sociale
Motori
BMW presenta la nuova Serie 5 berlina
Enogastronomia
"Benvenuto Brunello" Guida Rossa Michelin firma piastrella 2016
Turismo
Turismo, Alpitour amplia la rete su Andalusia e Costa del Sol
Energia e Ambiente
Premio ai Vigili del fuoco per i voli su Amatrice e Rigopiano
Moda
Moda New York, la donna bon ton secondo Carolina Herrera
Scienza e Innovazione
SpaceX, rinviato lancio del Falcon-9 dalla piattaforma Nasa 39-A
TechnoFun
Amazon, a tempo di record i lavori per nuovo centro vicino Roma
Sistema Trasporti
Ibar, Usa e Cina ancora al top per i voli dall'Italia