venerdì 24 febbraio | 01:09
pubblicato il 03/ott/2014 19:14

I numeri di Mare Nostrum: arrestati 300 scafisti

Salvate oltre 144mila persone

I numeri di Mare Nostrum: arrestati 300 scafisti

Milano (askanews) - La lotta per salvare le migliaia di persone in fuga da guerra e miseria che cercano una nuova vita in Italia è anche la lotta contro chi sfrutta la tragedia personale dei migranti per ricavarne profitto. L'operazione Mare Nostrum ad oggi ha permesso di assicurare alla giustizia circa 300 scafisti e sei cosiddette "navi madre" usate per il traffico di esseri umani. Gli ultimi 16 sono stati arrestati nelle ultime 24 ore dalla Marina Militare, in stretto coordinamento con la Direzione Distrettuale Antimafia di Catania. Nel corso dell'operazione sono stati impegnati non solo il pattugliatore Borsini e la fregata Maestrale, ma anche un sommergibile, il Prini, usato insieme ai droni per individuare le navi. I mezzi della Marina militare e della Capitaneria di Porto hanno permesso fino ad ora di salvare 144.000 fra uomini, donne e bambini tratti nelle acque del Mediterraneo, oltre 2.000 solo negli ultimi giorni. Uno sforzo enorme che ha salvato migliaia di vite, ma che non è bastato comunque per evitare tante, troppe, tragedie del mare.

Gli articoli più letti
Gb
La tempesta Doris porta il caos in Gran Bretagna e Irlanda
Campidoglio
Lucherini (Pd): no a stadio Roma avrà ricadute sulla città
Unicredit
Unicredit: sottoscritto il 99,8% dell'aumento da 13 miliardi
Iraq
Iraq, forze irachene lanciano assalto su aeroporto Mosul
Altre sezioni
Salute e Benessere
Tribunale malato: per 1 medico su 3 troppo poco tempo per paziente
Motori
Man lancia due iniziative per salute e sicurezza degli autisti
Enogastronomia
Ricerca Gfk: l'identikit dei nuovi consumatori al supermercato
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
Scoperta una nuova specie di mammifero: lo scoiattolo meridionale
Moda
A Londra apre una mostra su Lady Diana, icona della moda
Scienza e Innovazione
I 7 gemelli della Terra: il parere dell'astronauta Maurizio Cheli
TechnoFun
Internet of Things: dopo la "nuvola" si studia la "nebbia"
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech