sabato 25 febbraio | 13:22
pubblicato il 21/set/2012 17:16

I miasmi del depuratore di Cuma, sindaci chiedono aiuto a Regione

Allo studio progetto per coprire le vasche di liquami

I miasmi del depuratore di Cuma, sindaci chiedono aiuto a Regione

Napoli (askanews) - Il depuratore di Cuma è da anni la spina nel fianco dei cittadini dell'area flegrea, esasperati dai miasmi delle vasche di liquami, e degli operatori turistici danneggiati dal divieto di balneazione. Dopo l'ennessimo sopralluogo, i Comuni dell'area flegrea chiedono un intervento tempestivo della Regione per risolvere definitivamente la questione. Filippo Monaco è l'assessore provinciale alle politiche sociali.Il progetto è coprire le vasche e utilizzare il biogas per produrre energia; qualcosa sembra si stia muovendo nella giusta direzione. Ermanno Schiano è il sindaco di Bacoli."Più volte ci siamo visti all'interno del depuratore e abbiamo avuto rassicurazioni che regione stanzierà fondi"A disposizione ci sarebbero i circa 200 milioni di euro del Cipe da cui attingere per risolvere definitivamente la situazione. complessivamente.

Gli articoli più letti
Campidoglio
Roma, medici: Raggi in netto miglioramento, si valuta uscita
Salute
A Giulio Maira il premio Raffaele Marinosci per la Medicina
Cucchi
Cucchi: sospesi da servizio tre carabinieri accusati di omicidio
Papa
Papa: rischiamo una grande guerra mondiale per l'acqua
Altre sezioni
Salute e Benessere
Fibrosi polmonare idiopatica, al Gemelli seminario internazionale
Motori
L'agricoltura del futuro: Case IH presenta il trattore autonomo
Enogastronomia
Ricerca Gfk: l'identikit dei nuovi consumatori al supermercato
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
Progetto Life-Nereide: asfalto silenzioso da materiale riciclato
Moda
Nuova linea ready-to-wear de La Perla: sensuali giacche corsetto
Scienza e Innovazione
Esa, Vega: nel 2018 opportunità di volo per minisatelliti multipli
TechnoFun
Google crea strumento intelligenza artificiale anti-trolls
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech