venerdì 02 dicembre | 23:25
pubblicato il 23/gen/2015 20:05

I licenziati dal Carroccio: prima che dipendenti siamo leghisti

Il disagio di chi rischia il posto e viene difeso anche da Cgil

I licenziati dal Carroccio: prima che dipendenti siamo leghisti

Milano (askanews) - "Da parte nostra siamo un po' imbarazzati perché come militanti e lavoratori siamo stati trattati in un modo un po' superficiale dai dirigenti della Lega Nord".

"Prima di essere dei lavoratori della Lega Nord, noi siamo militanti e abbiamo attaccato manifesti, fatto 'banchetti' e manifestazioni. Io lavoro per la Lega da 17 anni ma c'é gente che lo fa da più di 20: pensiamo di avere diritto ad un trattamento migliore sia dal punto di vista umano che da quello lavorativo".

C'è amarezza nelle parole di Francesco Bonora, uno dei 71 dipendenti del Carroccio che il 4 novembre 2014 il partito ha annunciato di voler licenziare e che ha partecipato ad un ennesimo presidio di protesta sotto la storica sede della Lega in via Bellerio a Milano. Amarezza che Paolo Poletti, della Uil, spiega così: "Loro, prima che impiegati sono stati e sono dei militanti della Lega e questo per loro comporta una disillusione rispetto ad un investimento anche emotivo che hanno fatto negli anni".

Disagio che avrebbe provato anche il leader del Carroccio Matteo Salvini quando nei giorni scorsi ha incontrato i dipendenti:"L'ho trovato in imbarazzo, anche quando gli ho detto in faccia che lui va a difendere gli altri lavoratori, va a parlare con i responsabili sindacali aziendali della Fiom e noi abbiamo dovuto aspettare due mesi, da dicembre a metà gennaio, per avere un incontro con lui dopo che lo chievamo tutti i giorni espressamente anche nei corridoi".

Al tavolo, a fianco della Uil c'è anche la Cgil che si trova a rappresentare "senza alcun imbarazzo" la maggioranza dei dipendenti leghisti, fatto che il sindacalista Andrea Montagni commenta così: "E' un partito con dei dipendenti, sono dei lavoratori con dei diritti e dei doveri e noi come sindacato tuteliamo i lavoratori. Adesso c'è un problema: il partito Lega sta procedendo con una riorganizzazione e nel farlo deve tener conto dei diritti di quei lavoratori che come scelta di vita hanno deciso di lavorare per la Lega Nord".

Gli articoli più letti
Inchiesta Roma
Mafia Capitale, altro processo: chiesto giudizio per 24 persone
Criminalità
Roma, imprenditore sequestrato e seviziato per usura: 3 arresti
Censis
Censis: paura degli stranieri, immigrazione preoccupa 44% italiani
Censis
Bullismo, oltre metà 11-17enni ha subìto comportamenti offensivi
Altre sezioni
Salute e Benessere
Medici: atleti tendono a sovrastimare problemi cardiovascolari
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari