giovedì 23 febbraio | 21:43
pubblicato il 01/lug/2013 19:17

Hiv: diminuisce in Africa tasso trasmissione mamma-figlio del virus

Hiv: diminuisce in Africa tasso trasmissione mamma-figlio del virus

i(ASCA) - Roma, 1 lug - Oggi in Africa sono 23,5 milioni le persone che vivono con l'HIV. Negli ultimi anni nell'area sub-sahariana, dove il tasso di infezione da HIV/AIDS e' il piu' alto del mondo, le nuove infezioni nei bambini sono scese in modo significativo, soprattutto grazie alla riduzione della trasmissione madre-figlio del virus. UNAIDS, Programma delle Nazioni Unite per l'AIDS/HIV, ha individuato 21 paesi africani prioritari per la lotta al virus e, a oggi, i risultati dell'accesso alle cure sono incoraggianti, in particolare per quanto riguarda i giovani.

Nel 2012, infatti, il numero di nuove infezioni da HIV tra i bambini e' diminuito del 40% rispetto al 2009. Calo dovuto soprattutto alla maggiore disponibilita' della terapia antiretrovirale, utile a prevenire la trasmissione madre-figlio del virus e fornita a piu' di tre quarti delle donne in gravidanza in 16 dei 21 paesi. S econdo i dati UNAIDS e' il Botswana ad aver raggiunto i successi piu' grandi, avendo casi in cui la trasmissione madre-figlio e' stata quasi eliminata. Oltre al Botswana, si sono registrate drastiche riduzioni del numero di nuove infezioni da HIV tra i bambini anche in altri 6 paesi tra quelli prioritari (Etiopia, Ghana, Malawi, Namibia, Sud Africa e Zambia), con diminuzioni fino al 50% rispetto al 2009. Dato che dimostra che i progressi possono essere significativi quando il trattamento si concentra sulle persone giuste e nei posti giusti. Nonostante i grandi passi avanti, pero', c'e' ancora molto lavoro da fare. Anche se i tassi di accessibilita' al trattamento sono aumentati del 20% tra il 2011 e il 2012, milioni di persone vivono ancora senza farmaci. Il problema e' particolarmente grave per i bambini affetti da Hiv/Aids: nella maggior parte dei paesi prioritari, solo tre su dieci con test positivo, stanno ricevendo i farmaci di cui hanno bisogno. UNAIDS ha definito questo livello ''inaccettabilmente basso'', ma rimane ottimista e con la convinzione che la situazione possa migliorare se i paesi africani e i donatori internazionali lavoreranno insieme per arrivare all'''azzeramento delle infezioni da HIV, della discriminazione e del tasso di mortalita' correlato all'AIDS''.

red/mpd

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Papa
Papa: scandaloso dire "sono cattolico" e riciclare denaro
Ambiente
Scoperta una nuova specie di mammifero: lo scoiattolo meridionale
Maltempo
Allerta protezione civile: in arrivo venti forti al Centro-Nord
Milano
Dopo le palme in piazza Duomo a Milano arrivano i banani
Altre sezioni
Salute e Benessere
Tribunale malato: per 1 medico su 3 troppo poco tempo per paziente
Motori
Man lancia due iniziative per salute e sicurezza degli autisti
Enogastronomia
Ricerca Gfk: l'identikit dei nuovi consumatori al supermercato
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
Scoperta una nuova specie di mammifero: lo scoiattolo meridionale
Moda
A Londra apre una mostra su Lady Diana, icona della moda
Scienza e Innovazione
I 7 gemelli della Terra: il parere dell'astronauta Maurizio Cheli
TechnoFun
Internet of Things: dopo la "nuvola" si studia la "nebbia"
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech