sabato 10 dicembre | 00:36
pubblicato il 04/nov/2013 13:48

Hiv: Cittadinanzattiva e Lila, 15 mln fondi male utilizzati da Regioni

Hiv: Cittadinanzattiva e Lila, 15 mln fondi male utilizzati da Regioni

(ASCA) - Roma, 4 nov - ''Una quota di risorse del nostro Fondo sanitario nazionale, ammontante a 15 milioni di euro e destinato a 16 progetti regionali di diagnosi della HIV, non e' spesa nel modo migliore da parte delle Regioni e questo oggi non possiamo proprio permettercelo''.

L'allarme viene dalla Lega Italiana per la Lotta contro l'Aids e da Cittadinanzattiva-Tribunale per i diritti del malato, che hanno esaminato gli atti deliberativi regionali per la Linea progettuale 3, denominata Diagnosi di infezione da HIV di 10 regioni. I progetti sono stati finanziati con l'Accordo Stato Regioni del 22 novembre 2012 che vincolava quote del Fondo sanitario nazionale a molteplici obiettivi di Piano Sanitario Nazionale.

''Cio' che emerge dall'analisi delle diverse delibere e dei progetti - spiegano le due organizzazioni - e' che le Regioni hanno male interpretato gli atti, determinando a nostro avviso anche un non corretto utilizzo di fondi pubblici. Diverse Regioni hanno inserito costi per attivita' ordinarie, per esempio esami clinici gia' coperti da spesa corrente, gia' finanziate, e progetti con obiettivi non congrui, per esempio attivita' di formazione, anche questi gia' finanziati. Pressoche' tutte le Regioni hanno presentato progetti privi di indicatori di valutazione, o di azioni innovative. Una Regione ha addirittura proposto una strategia di offerta del test Hiv considerata non costo efficace e non socialmente accettabile dalla comunita' scientifica nazionale e internazionale. Alle Regioni e' stato inoltre consentito, nonostante l'atto di definizione degli obiettivi sia stato pubblicato nel novembre 2012, di computare azioni a partire dal gennaio 2012 e talvolta da prima, quando gli obiettivi non erano definiti''.

La Lila e Cittadinanzattiva hanno per questo indirizzato una lettera aperta al Presidente del Consiglio, al Ministro della Salute, alla Corte dei Conti e altri referenti istituzionali, perche' sia avviata ogni doverosa verifica in merito all'utilizzo dei 15 milioni di euro.

Le due organizzazioni sono fortemente preoccupate che le incongruenze riscontrate possano riguardare anche altre linee progettuali degli Obiettivi di Piano, andando a vanificare non solo la loro efficacia ma anche ogni intento di spending review. Sedici le regioni che avevano la possibilita' di presentare progetti sulla diagnosi di infezione da HIV (Abruzzo, Basilicata, Calabria, Campania, Emilia Romagna, Lazio, Liguria, Lombardia, Marche, Molise, Piemonte, Puglia, Sicilia, Toscana, Umbria e Veneto). Nello specifico dei progetti presentati, 3 regioni indicano attivita' di carattere formativo al personale sanitario gia' coperte annualmente con 18 mln di euro del fondo della Legge 135/90; 1 regione include nei costi il computo economico di esami che sono lo standard nella cura dell'HIV e quindi garantiti dai LEA; 1 regione include piu' azioni realizzate con altri finanziamenti precedentemente ricevuti. 4 progetti (Veneto, Toscana, Marche e Puglia) su 10 propongono attivita' non riconducibili agli obiettivi indicati nel documento licenziato dal CIPE e quindi non congrue. 1 regione, la Liguria, propone una attivita' basata su una strategia di offerta del test HIV considerata non costo efficace e non socialmente accettabile sia dalla comunita' scientifica nazionale che internazionale. Globalmente ''la totalita' dei 10 progetti analizzati ha almeno un indice di non congruita'. 8 progetti su 10 contengono almeno 2 indici non congruita' e 2 progetti su 10 hanno 5 elementi di non congruita'''.

red/mpd

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Natale
Albero rosso e oro per il Natale alla Galleria Alberto Sordi
Roma
Trovato a Roma cadavere,potrebbe essere giovane cinese scomparsa
Immigrati
Papa: nel presepe rivediamo dramma dei migranti sui barconi
Altre sezioni
Salute e Benessere
Orecchie a sventola, clip rivoluziona intervento chirurgico
Enogastronomia
Furono i sardi i primi a produrre vino nel Mediterraneo
Turismo
Confesercenti: alberghi prenotati al 75% per Ponte Immacolata
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
All'Isola della Sostenibilità il mondo dell'economia circolare
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Europei, Olimpiadi e terremoto, il 2016 su Facebook in Italia
Motori
Flash Mob ai Fori per Amatrice con la Ferrari del record in Cina