lunedì 27 febbraio | 19:38
pubblicato il 29/mar/2012 12:44

Guardia di finanza Firenze arresta primario di Chirurgia plastica

Operazione "Narciso" in 7 regioni: 53 perquisizioni

Guardia di finanza Firenze arresta primario di Chirurgia plastica

Firenze, (askanews) - Peculato, corruzione, concussione, falsità ideologica in atti pubblici e abuso d'ufficio: sono i reati contestati agli indagati nell'ambito dell'operazione "Narciso", eseguita in tutta Italia dalla Guardia di finanza di Firenze. L'operazione ha portato agli arresti domiciliari il professor Mario Dini, Primario del Reparto di Chirurgia Plastica e Ricostruttiva dell'Azienda Universitaria - Ospedaliera di Careggi e direttore della Scuola di Specializzazione di Chirurgia Plastica Ricostruttiva Estetica dell'Università di Firenze. I finanzieri hanno eseguito 53 perquisizioni nei confronti di altri indagati in 7 regioni, Toscana, Emilia Romagna, Veneto, Lombardia, Friuli Venezia Giulia, Lazio e Campania: coinvolti nelle indagini, a vario titolo, anche altri medici e informatori scientifici di una azienda produttrice di protesi mediche.

Gli articoli più letti
Biotestamento
Marco Cappato: Fabo è morto alle 11.40
Criminalità
Rapine ed estorsioni a Napoli, 47 misure cautelari
'Ndrangheta
'Ndrangheta, sequestrati a imprenditore colluso beni per 2,5 mln
Terremoti
Sisma Centro Italia, Errani: grandissimo rischio spopolamento
Altre sezioni
Salute e Benessere
Malattie rare, Scaccabarozzi: 560 farmaci in sviluppo nel mondo
Motori
L'agricoltura del futuro: Case IH presenta il trattore autonomo
Enogastronomia
Premio Ercole Olivario, in gara 174 etichette da 17 Regioni
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
E.ON:Per 6 italiani su 10 ideale per la casa è l'energia solare
Moda
Nuova linea ready-to-wear de La Perla: sensuali giacche corsetto
Scienza e Innovazione
Fisica, Masterclass: 3000 studenti alla scoperta delle particelle
TechnoFun
Google crea strumento intelligenza artificiale anti-trolls
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech