domenica 11 dicembre | 12:53
pubblicato il 29/nov/2012 21:58

Grosseto, sigilli a discoteca: aggrediti e feriti poliziotti

Locale aperto senza autorizzazioni e porte di sicurezza

Firenze, 17 dic. (askanews) - La notte tra sabato e domenica alcuni membri delle forze dell'ordine sono stati aggrediti, secondo quanto spiega la Questura di Grosseto, dagli avventori di una discoteca in via Legnano, a Grosseto, aperta senza le necessarie autorizzazioni e priva di porte di sicurezza. Agenti della sezione amministrativa, della squadra mobile, carabinieri, polizia municipale e vigili del fuoco erano giunti sul posto per porre i sigilli al locale, che si chiama Divino Disco. Nel locale c'era una cinquantina di persone, tra le quali diversi dominicani già conosciuti dagli agenti, spiega ancora la Questura. E proprio quando sono stati chiesti i documenti, una trentina di loro hanno cominciato a minacciare il personale opponendosi al controllo. Ad avere la peggio è stato un poliziotto della sezione amministrativa, aggredito con una bottigliata al volto. I ragazzi hanno cominciato a tirare sedie e tavoli contro gli operatori e a minacciarli con stecche da biliardo, un secchiello del ghiaccio e bottiglie: in questo parapiglia sono rimasti feriti anche un vigile del fuoco, un vigile urbano e un altro poliziotto.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Musica
Al Bano colpito da infarto e operato. "Ora sto bene"
Altre sezioni
Salute e Benessere
Orecchie a sventola, clip rivoluziona intervento chirurgico
Enogastronomia
Furono i sardi i primi a produrre vino nel Mediterraneo
Turismo
Confesercenti: alberghi prenotati al 75% per Ponte Immacolata
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
All'Isola della Sostenibilità il mondo dell'economia circolare
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Le tecnologie spaziali che aiutano la sostenibilità
Motori
Flash Mob ai Fori per Amatrice con la Ferrari del record in Cina