giovedì 23 febbraio | 11:09
pubblicato il 12/mag/2012 15:43

Grosseto, scoperto campo con 4.400 piante di papaveri da oppio

Gdf brucerà tutte le capsule da cui si produce stupefacente

Grosseto, scoperto campo con 4.400 piante di papaveri da oppio

Grosseto, (askanews) - Avrà una brutta sorpresa il coltivatore di questo campo a Braccagni vicino Grosseto. Le sue 4.400 piante di papavero da oppio sono state scoperte dalla Guardia di Finanza che ora procederà a distruggerle. Andranno in fumo 13.200 capsule, la parte della pianta da cui si ricava la sostanza stupefacente.Il raccolto era in piena fioritura e le piogge delle scorse settimane avevano favorito una perfetta maturazione delle piante, pronte per essere colte.I finanzieri di Grosseto hanno notato il campo di 2000 metriquadri e si sono insospettiti per la forma dei fiori. Gli esami di laboratorio eseguiti su un campione hanno poi confermato che si tratta di "papaver somniferum", la cui coltivazione è vietata la dall'attuale legislazione antidroga.La denuncia per coltivazione di sostanze stupefacenti è scattata a carico di ignoti.

Gli articoli più letti
Vaticano
Vaticano: sorveglieremo per evitare abusi di simboli Santa Sede
Carige
Truffa a Carige, l'ex presidente Berneschi condannato a 8 anni
Campidoglio
Grillo in Campidoglio: su stadio Roma decidono Raggi e Consiglio
Salute
Aborto, Cei su ospedale San Camillo: "Non snaturare la legge 194"
Altre sezioni
Salute e Benessere
Carnevale, allarme dermatologi: attenzione a trucchi e maschere
Motori
Man lancia due iniziative per salute e sicurezza degli autisti
Enogastronomia
Nestlé eliminerà 18.000 tonn. di zucchero da prodotti entro 2020
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
Una legge per istituire la Giornata del risparmio energetico
Moda
A Londra apre una mostra su Lady Diana, icona della moda
Scienza e Innovazione
A Tallinn in Estonia un robot fattorino fa consegne a domicilio
TechnoFun
La Cina leader nel mondo delle app per abbellire i selfie
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech