mercoledì 07 dicembre | 20:06
pubblicato il 20/feb/2013 17:27

Grosseto: Save the Children, non possiamo sottovalutare bullismo

Grosseto: Save the Children, non possiamo sottovalutare bullismo

(ASCA) - Roma, 20 feb - ''Non possiamo permetterci di sottovalutare azioni come quella avvenuta a Grosseto ai danni di una ragazza minore di colore da parte di suoi coetanei che, come testimoniano le immagini poi caricate sulla rete presumibilmente dagli autori, l'hanno aggredita fisicamente e insultata''. Lo dichiara Raffaela Milano, direttore programmi Italia-Europa di Save the Children, dopo l'aggressione a Grosseto di una ragazza mulatta da parte di alcuni suoi coetani che hanno poi diffuso le immagini video su internet . ''Al di la' della dinamica dei fatti, questo gravissimo episodio di discriminazione e bullismo testimonia come, in un Paese in cui c'e' quasi un milione di minori di origine straniera la meta' dei quali nata qui, l'integrazione sia ancora un obiettivo lontano da raggiungere e ci si debba impegnare tutti a costruire una cultura diversa a partire proprio dai ragazzi piu' giovani'', afferma Milano. Gli episodi di bullismo hanno spesso una corrispondente dimensione 'virtuale' in rete o attraverso i telefonini dove i ragazzi non solo documentano e condividono la violenza, come nel caso di Grosseto, ma dove puo' anche nascere una persecuzione collettiva le cui conseguenze nella vita reale possono essere molto gravi. Secondo una recentissima indagine condotta da Ipsos per conto di Save the Children, infatti, 4 minori su 10 sono testimoni di atti di bullismo online verso coetanei, percepiti ''diversi'' per aspetto fisico (67%), orientamento sessuale (56%) o perche' stranieri (43%). Secondo i ragazzi chi e' vittima di cyber bullismo si isola , si rifiuta di andare a scuola o fare sport (per il 67% degli intervistati), non vuole piu' uscire o vedere gli amici (65%) o si chiude e non si confida piu' (45%), e secondo gli intervistati, alcuni degli ultimi tragici fatti di cronaca sono molto (33%) o abbastanza (48%) connessi a questo fenomeno. ''Abbiamo davanti a noi una sfida educativa dove ogni soggetto, istituzioni comprese, deve giocare la sua parte,'' ha affermato la rappresentante di Save the Children, Raffaella Milano. stt

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Camorra
Intreccio camorra-politica: 11 arresti in Irpinia
Droga
Frosinone, blitz antidroga di Polizia e Carabinieri: 50 arresti
Maltempo
Allerta protezione civile: pioggia e temporali sulla Sicilia
Sicurezza
Gabrielli: militari non c'entrano con controllo territorio
Altre sezioni
Salute e Benessere
Robot indossabile ridà capacità di presa a persone quadriplegiche
Enogastronomia
Domenica 11 dicembre Cantine aperte a Natale
Turismo
Con Volagratis Capodanno low cost da Parigi al Mar Rosso
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
Roma, domani al via la terza "Isola della sostenibilità"
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Ricerca, da 2018 l'ERC tornerà a finanziare team multidisciplinari
Motori
Nuova Leon Cupra, più potenza e migliori prestazioni