lunedì 05 dicembre | 18:11
pubblicato il 29/giu/2013 16:13

Greenpeace, uno striscione galleggiante per dire no al carbone

L'azione davanti alla centrale Enel di Civitavecchia

Greenpeace, uno striscione galleggiante per dire no al carbone

Civitavecchia, (askanews) - Uno striscione di 1.500 metri quadri per dire no al carbone. L'azione dimostrativa degli attivisti di Greenpeace è andata in scena davanti alla centrale termoelettrica Enel di Civitavecchia. Gli attivisti hanno raggiunto con dei gommoni lo specchio d'acqua d fronte alla centrale e poi hanno srotolato l'enorme striscione galleggiante con scritto "No carbone, Quit Coal". Andrea Boraschi, responsabile della campagna Energia e Clima di Greenpeace. "Se vogliamo salvare il clima è da questi luoghi che dobbiamo partire". Greenpeace chiede a Enel di dimezzare la sua produzione a carbone entro il 2020 e di azzerarla al 2030, di rinunciare ai progetti di nuove centrali a carbone e di sostituire la produzione con fonti pulite e rinnovabili.

Gli articoli più letti
Maltempo
Allerta maltempo: temporali sulle due Isole e sulla Calabria
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Festa a Roma con Heinz Beck per i 30 anni del Gambero Rosso
Turismo
Eden Travel Group, il SalvaVacanza spinge l'advance booking
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Accordo Altec-Virgin Galactic: l'Italia avrà il suo spazioporto
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari