sabato 21 gennaio | 16:27
pubblicato il 29/giu/2013 16:13

Greenpeace, uno striscione galleggiante per dire no al carbone

L'azione davanti alla centrale Enel di Civitavecchia

Greenpeace, uno striscione galleggiante per dire no al carbone

Civitavecchia, (askanews) - Uno striscione di 1.500 metri quadri per dire no al carbone. L'azione dimostrativa degli attivisti di Greenpeace è andata in scena davanti alla centrale termoelettrica Enel di Civitavecchia. Gli attivisti hanno raggiunto con dei gommoni lo specchio d'acqua d fronte alla centrale e poi hanno srotolato l'enorme striscione galleggiante con scritto "No carbone, Quit Coal". Andrea Boraschi, responsabile della campagna Energia e Clima di Greenpeace. "Se vogliamo salvare il clima è da questi luoghi che dobbiamo partire". Greenpeace chiede a Enel di dimezzare la sua produzione a carbone entro il 2020 e di azzerarla al 2030, di rinunciare ai progetti di nuove centrali a carbone e di sostituire la produzione con fonti pulite e rinnovabili.

Gli articoli più letti
Incidenti stradali
Schianto bus ungherese, a bordo 15-16enni in gita in Francia
Maltempo
Rigopiano, Vigili fuoco: trovati 10 superstiti, 5 già ricoverati
Incidenti stradali
Pullman ungherese si schianta e prende fuoco in A4, 16 morti
Maltempo
Maltempo, vigili fuoco: in contatto con una donna e due bambini
Altre sezioni
Salute e Benessere
Asma e Bpco, 15% italiani soffre malattie respiratorie persistenti
Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Formaggi, yogurt, mozzarelle: ora obbligatorio indicare l'origine dellatte
Turismo
Via in Uruguay i 40 giorni del carnevale, il più lungo del mondo
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Spazio: da Cassini primo piano per Dafni, piccola luna di Saturno
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4