giovedì 23 febbraio | 17:54
pubblicato il 16/mar/2015 12:01

"Grandi opere", 4 arresti per tangenti: anche alto dirigente p.a.

Oltre 50 indagati, "emersi gravi indizi di colpevolezza"

"Grandi opere", 4 arresti per tangenti: anche alto dirigente p.a.

Roma, 16 mar. (askanews) - Con l'accusa di corruzione, induzione indebita, turbata libertà degli incanti ed altri delitti contro la pubblica amministrazione, su richiesta della Procura di Firenze i carabinieri del Ros hanno arrestato stamattina quattro persone tra Roma e Milano. Due sono finite in carcere. Contestualmente sono in corso, in diverse regioni italiane, perquisizioni di uffici pubblici e sedi societarie riconducibili a oltre 50 indagati.

Al centro delle indagini dell'operazione, chiamata "Sistema", c'è la gestione illecita degli appalti ricompresi nelle "Grandi opere", mediante un articolato sistema corruttivo che coinvolgeva dirigenti pubblici, società aggiudicatarie degli appalti ed imprese esecutrici dei lavori. Il nome illustre tra gli arrestati è quello di Ercole Incalza, direttore della Struttura tecnica di missione del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti che, tra l'altro, coordina la task force sulla Tav Torino-Lione. Gli altri destinatari dell'ordinanza di custodia cautelare sono Francesco Cavallo, Stefano Perotti e Sandro Pacella.

Il procuratore capo di Firenze, Giuseppe Creazzo, ha sottolineato in una conferenza stampa che "sono emersi gravi indizi di colpevolezza per la realizzazione e la direzione dei lavori delle Grandi opere. L'indagine - ha spiegato - risale al 2013 e nasce dagli approfondimenti investigativi relativi alla gestione illecita degli appalti per il nodo Tav di Firenze". La Procura aveva chiesto anche l'associazione a delinquere per le persone coinvolte nell'indagine, ma il Gip non l'ha concessa.

Le perquisizioni del Ros hanno riguardato, tra l'altro, gli uffici della Struttura di Missione presso il Ministero delle Infrastrutture, di Rfi, Anas, Ferrovie del Sud Est, del Consorzio Autostrada Civitavecchia-Orte-Mestre, dell'Autostrada regionale Cispadana e dell'Autorità portuale Nord Sardegna. Alcune perquisizioni sono state svolte con il concorso del personale dell'Agenzia delle Entrate.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Papa
Papa: scandaloso dire "sono cattolico" e riciclare denaro
Ambiente
Scoperta una nuova specie di mammifero: lo scoiattolo meridionale
Milano
Dopo le palme in piazza Duomo a Milano arrivano i banani
Salute
Aborto, Cei su ospedale San Camillo: "Non snaturare la legge 194"
Altre sezioni
Salute e Benessere
Tribunale malato: per 1 medico su 3 troppo poco tempo per paziente
Motori
Man lancia due iniziative per salute e sicurezza degli autisti
Enogastronomia
Ricerca Gfk: l'identikit dei nuovi consumatori al supermercato
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
Scoperta una nuova specie di mammifero: lo scoiattolo meridionale
Moda
A Londra apre una mostra su Lady Diana, icona della moda
Scienza e Innovazione
I 7 gemelli della Terra: il parere dell'astronauta Maurizio Cheli
TechnoFun
Internet of Things: dopo la "nuvola" si studia la "nebbia"
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech