lunedì 05 dicembre | 01:39
pubblicato il 01/feb/2014 15:51

Grandi Navi: Apt Venezia, ricorso Comune le riportera' a San Marco

(ASCA) - Venezia, 1 feb 2014 - Il ricorso che il Comune intende presentare contro l'ordinanza e il decreto della Capitaneria di Porto e' un ricorso contro il Governo. I provvedimenti della Capitaneria sono la trasposizione letterale di una direttiva inviata dal Ministro competente che ha tradotto in termini amministrativi l'accordo di Palazzo Chigi del 5 novembre.

Spetta solo al Presidente del Consiglio Letta, ai Ministri competenti Lupi e Orlando e al presidente della Regione Veneto Zaia, valutare l'atteggiamento da prendere.

All'Autorita' Portuale di Venezia spetta solo segnalare il paradosso che l'eventuale accoglimento dei ricorsi comunali farebbe saltare gli accordi presi a palazzo Chigi e costringerebbe all'alternativa drammatica tra: l'uccidere la crocieristica veneziana, e con essa il porto e il nuovo sviluppo di Marghera e del Veneto, o far tornare le grandi navi davanti a San Marco per almeno altri 7 anni, quelli necessari per l'approvazione di un nuovo piano regolatore portuale.

Il clima di incertezza che si sta comunque creando sta gia' inducendo gli operatori internazionali a delocalizzare la crocieristica su porti non italiani con conseguenze che non aiutano certo il ''Job Act'' e la strategia di rilancio occupazionale del Paese.

fdm/mar/ss

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari