domenica 26 febbraio | 20:49
pubblicato il 24/mar/2014 17:30

Governo: card. Bagnasco, speriamo metta in moto crescita e lavoro

(ASCA) - Roma, 24 mar 2014 - ''Con la responsabilita' accorata di Pastori, auspichiamo che il nuovo Governo, con la partecipazione convinta e responsabile del Parlamento, riesca a incidere su sprechi e macchinosita' istituzionali e burocratiche, ma soprattutto a mettere in movimento la crescita e lo sviluppo, in modo che l'economia e il lavoro creino non solo profitto, ma occupazione reale in Italia''.

Lo ha affermato il presidente della Cei, card. Angelo Bagnasco, nella sua prolusione che ha aperto oggi a Roma i lavori del Consiglio episcopale permanente. Secondo il porporato ''come su un binario parallelo e virtuoso'', e' necessario oggi in Italia in primo luogo ''incentivare i consumi senza ritornare nella logica perversa del consumismo che divora il consumatore. Ma e' altresi' indispensabile - ha aggiunto - sostenere in modo incisivo chi crea lavoro e occupazione in Italia, semplificando anche le inutili e dannose burocrazie. Se non si velocizzano i processi e non si incentiva, si scoraggia ogni intrapresa vecchia e nuova''.

gc/

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Biotestamento
Dj Fabo in Svizzera, visite mediche per decidere l'eutanasia
Campidoglio
Roma, Colomban: progetto taglio partecipate senza licenziamenti
Altre sezioni
Salute e Benessere
Fibrosi polmonare idiopatica, al Gemelli seminario internazionale
Motori
L'agricoltura del futuro: Case IH presenta il trattore autonomo
Enogastronomia
Ricerca Gfk: l'identikit dei nuovi consumatori al supermercato
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
Progetto Life-Nereide: asfalto silenzioso da materiale riciclato
Moda
Nuova linea ready-to-wear de La Perla: sensuali giacche corsetto
Scienza e Innovazione
Esa, Vega: nel 2018 opportunità di volo per minisatelliti multipli
TechnoFun
Google crea strumento intelligenza artificiale anti-trolls
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech