lunedì 20 febbraio | 10:12
pubblicato il 07/giu/2012 14:27

Gorizia, scoperta una "beauty farm" del sesso gestita da cinesi

Arrestata la titolare, decine di ragazze costrette a prostituirsi

Gorizia, scoperta una "beauty farm" del sesso gestita da cinesi

Gorizia (askanews) - Dal giorno dell'inaugurazione era stata un'escalation di popolarità tanto che il continuo viavai di clienti, uomini e donne, dall'alba a notte inoltrata, in questo centro massaggi di Gorizia, pubblicizzato anche on line, ha suscitato qualche sospetto negli uomini della Guardia di Finanza della città friulana. Quando le Fiamme gialle hanno perquisito i locali, profumati di incenso e balsamo di tigre, hanno trovato la conferma che si trattava in realtà di una vera e propria beauty farm a luci rosse diretta da cittadini cinesi dediti principalmente al favoreggiamento e all induzione alla prostituzione di proprie giovani connazionali. La titolare del centro è stata arrestata per favoreggiamento e sfruttamento aggravato della prostituzione, tutte le ragazze sono state identificate mentre il locale è stato posto sotto sequestro.A casa della donna, inoltre, i militari hanno scoperto altre ragazze, quasi "recluse" in attesa del proprio turno di servizio oltre che ingenti somme di denaro, quasi sicuramente frutto dell'attività illecita e nascoste al fisco.

Gli articoli più letti
Terremoti
A Norcia consegnate le chiavi delle prime casette post-sisma
Altre sezioni
Salute e Benessere
Ordini Medici: pubblicità sanitaria selvaggia è allarme sociale
Motori
BMW presenta la nuova Serie 5 berlina
Enogastronomia
"Benvenuto Brunello" Guida Rossa Michelin firma piastrella 2016
Turismo
Turismo, Alpitour amplia la rete su Andalusia e Costa del Sol
Energia e Ambiente
Premio ai Vigili del fuoco per i voli su Amatrice e Rigopiano
Moda
Moda New York, la donna bon ton secondo Carolina Herrera
Scienza e Innovazione
SpaceX, rinviato lancio del Falcon-9 dalla piattaforma Nasa 39-A
TechnoFun
Amazon, a tempo di record i lavori per nuovo centro vicino Roma
Sistema Trasporti
Ibar, Usa e Cina ancora al top per i voli dall'Italia