martedì 06 dicembre | 02:05
pubblicato il 10/ott/2014 12:34

Gli studenti in piazza, "siamo 80mila": #grandebellezzasiamonoi

A Roma 10mila, 6000 a Palermo, 2000 a Terni, 1000 a Cagliari

Gli studenti in piazza, "siamo 80mila": #grandebellezzasiamonoi

Roma, 10 ott. (askanews) - Sono oltre 80mila gli studenti scesi in piazza nelle maggiori città italiane per dire al Governo che la "#grandebellezzasiamonoi e che il Paese non può permettersi ancora una volta di tagliarci il futuro". Lo affermano in comunicato l'Unione degli universitari e la Rete studenti. "Oggi più di 80.000 studenti sono in tutte le piazze d'Italia per dire che siamo noi la grande bellezza e che il Paese non può permettersi ancora una volta di tagliarci il futuro. Più di 6000 studenti a Palermo, 2000 a Perugia, 1000 a Cagliari, e queste sono solo alcune delle piazze in cui i nostri cortei stanno chiedendo un cambiamento reale al Paese. E' ora che la politica si faccia carico delle proprie responsabilità e investa veramente sull'istruzione tutta dalla scuola all'università, è necessario che il diritto allo studio non venga più considerato come un fanalino di coda ma diventi pilastro portante del Paese. Chiediamo solo di poter studiare, chiediamo un'istruzione accessibile a tutti", afferma Alberto Irone Portavoce della Rete degli studenti medi. "Oggi siamo nelle piazze italiane per dire che la Grande Bellezza siamo noi e che abbiamo fame di diritti e conoscenza. E' ora che la politica ricominci ad investire realmente su noi giovani e misure come lo (s)blocca Italia e il Jobs Act non sono di certo il cambiamento che chiediamo oggi. Chiediamo di poter studiare, chiediamo di poter costruirci un futuro nel nostro Paese, chiediamo un futuro che non sia precario. Noi oggi siamo in piazza per un Paese diverso perchè non possiamo più permetterci che non ci sia il cambiamento che da anni chiediamo", aggiunge Gianluca Scuccimarra Coordinatore Unione degli Universitari. "Gli studenti si stanno riprendendo una fetta importante di protagonismo, tolta loro dai governi che si sono successi nel corso degli ultimi anni. Un protagonismo che passa per una discussione completa su chi è lo studente oggi e quale sia la sua condizione materiale ed esistenziale, dalla mancanza di lavoro alestensione della precarietà. Chiediamo diritti e tutele, a partire dalla legge quadro nazionale sul diritto allo studio. Chiediamo la possibilità di realizzarci in Italia senza dover per forza scappare all'estero. Chiediamo un futuro per questo saremo il 25 ottobre nuovamente in piazza con i lavoratori, perché un Paese che taglia sui giovani non ce lo possiamo permettere", conclude Irone. Int3

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Maltempo
Allerta maltempo: temporali sulle due Isole e sulla Calabria
Immigrati
Guardia costiera: salvati 231 migranti nel Mediterraneo
Altre sezioni
Salute e Benessere
Diabete, arriva in Italia penna con concentrazione doppia insulina

Roma, 5 dic. (askanews) - Un'iniezione "morbida", più facile, e una penna con il doppio delle unità di insulina disponibili per ridurre il numero di device da gestire: un...

Enogastronomia
Festa a Roma con Heinz Beck per i 30 anni del Gambero Rosso
Turismo
Eden Travel Group, il SalvaVacanza spinge l'advance booking
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Spazio, nuovo successo per il razzo italiano Vega
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari