martedì 17 gennaio | 14:27
pubblicato il 10/ott/2014 12:34

Gli studenti in piazza, "siamo 80mila": #grandebellezzasiamonoi

A Roma 10mila, 6000 a Palermo, 2000 a Terni, 1000 a Cagliari

Gli studenti in piazza, "siamo 80mila": #grandebellezzasiamonoi

Roma, 10 ott. (askanews) - Sono oltre 80mila gli studenti scesi in piazza nelle maggiori città italiane per dire al Governo che la "#grandebellezzasiamonoi e che il Paese non può permettersi ancora una volta di tagliarci il futuro". Lo affermano in comunicato l'Unione degli universitari e la Rete studenti. "Oggi più di 80.000 studenti sono in tutte le piazze d'Italia per dire che siamo noi la grande bellezza e che il Paese non può permettersi ancora una volta di tagliarci il futuro. Più di 6000 studenti a Palermo, 2000 a Perugia, 1000 a Cagliari, e queste sono solo alcune delle piazze in cui i nostri cortei stanno chiedendo un cambiamento reale al Paese. E' ora che la politica si faccia carico delle proprie responsabilità e investa veramente sull'istruzione tutta dalla scuola all'università, è necessario che il diritto allo studio non venga più considerato come un fanalino di coda ma diventi pilastro portante del Paese. Chiediamo solo di poter studiare, chiediamo un'istruzione accessibile a tutti", afferma Alberto Irone Portavoce della Rete degli studenti medi. "Oggi siamo nelle piazze italiane per dire che la Grande Bellezza siamo noi e che abbiamo fame di diritti e conoscenza. E' ora che la politica ricominci ad investire realmente su noi giovani e misure come lo (s)blocca Italia e il Jobs Act non sono di certo il cambiamento che chiediamo oggi. Chiediamo di poter studiare, chiediamo di poter costruirci un futuro nel nostro Paese, chiediamo un futuro che non sia precario. Noi oggi siamo in piazza per un Paese diverso perchè non possiamo più permetterci che non ci sia il cambiamento che da anni chiediamo", aggiunge Gianluca Scuccimarra Coordinatore Unione degli Universitari. "Gli studenti si stanno riprendendo una fetta importante di protagonismo, tolta loro dai governi che si sono successi nel corso degli ultimi anni. Un protagonismo che passa per una discussione completa su chi è lo studente oggi e quale sia la sua condizione materiale ed esistenziale, dalla mancanza di lavoro alestensione della precarietà. Chiediamo diritti e tutele, a partire dalla legge quadro nazionale sul diritto allo studio. Chiediamo la possibilità di realizzarci in Italia senza dover per forza scappare all'estero. Chiediamo un futuro per questo saremo il 25 ottobre nuovamente in piazza con i lavoratori, perché un Paese che taglia sui giovani non ce lo possiamo permettere", conclude Irone. Int3

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Bancarotta
Bancarotta, a Reggio Calabria 7 ordinanze cautelari
Cucchi
Cucchi, pm contesta omicidio preterintenzionale a 3 carabinieri
Immigrati
Naufragio nel Mediterraneo, a Trapani 38 superstiti e 4 vittime
Criminalità
Assalti ai bancomat in Veneto e Lombardia: 15 arresti
Altre sezioni
Salute e Benessere
Salute: nuovi Lea in arrivo. In vigore dopo pubblicazione su G.U.
Motori
Vola il mercato dell'auto nel 2016, crescita a due cifre per Fca
Enogastronomia
In Cina il liquore invecchia nelle canne di bambù
Turismo
Nel 2016 Roma è stata la meta italiana preferita dagli europei
Energia e Ambiente
L'Enel porta energia "verde" all'ambasciata italiana di Abu Dhabi
Moda
Moda Milano, guardaroba Trussardi per l'uomo s'ispira ai tarocchi
Scienza e Innovazione
Spazio, quando Cernan disse: un sognatore tornerà sulla Luna
TechnoFun
Rischi del web, ecco le 8 truffe che colpiscono gli italiani
Sistema Trasporti
Dal 26 marzo al via i nuovi voli da Milano-Malpensa