domenica 26 febbraio | 03:11
pubblicato il 13/nov/2011 12:27

Gli azzurri di Prandelli danno un calcio alla 'ndrangheta

Allenamento sul campo confiscato alla mafia, ma c'è chi ha paura

Gli azzurri di Prandelli danno un calcio alla 'ndrangheta

Questo cartello, all'ingresso del centro sportivo di Rizziconi, in provincia di Reggio Calabria, sancisce da subito l'unicità dell'evento di domenica 13 novembre 2011: l'arrivo della nazionale italiana per una seduta d'allenamento in vista del match amichevole contro l'Uruguay del 15 novembreAd accogliere gli azzurri ci sarà Don Luigi Ciotti dell'associazione antimafia Libera, patron dell'iniziativa, il campione calabrese Rino Gattuso e il commissario prefettizio di Rizziconi, Fabrizio GalloLa struttura è stata realizzata su un campo sequestrato nel '94 alla cosca di Teodoro Crea. Nel 2000 lo Stato ne ha ha fatto un campo da calcio, fino ad oggi mai utilizzato da nessuno, per non fare uno sgarbo ai boss e tuttora in paese c'è qualcuno che guarda con disagio e paura alla presenza della Nazionale.

Gli articoli più letti
Roma
Spari davanti a discoteca di Roma: un fermato e un denunciato
Maltempo
Allerta temporali su Puglia, Basilicata, Calabria e Sicilia
Terrorismo
Isis, espulsi 2 tunisini: uno era tra i contatti di Amri
Papa
Papa ai parroci: siate vicini ai giovani che scelgono di convivere
Altre sezioni
Salute e Benessere
Fibrosi polmonare idiopatica, al Gemelli seminario internazionale
Motori
L'agricoltura del futuro: Case IH presenta il trattore autonomo
Enogastronomia
Ricerca Gfk: l'identikit dei nuovi consumatori al supermercato
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
Progetto Life-Nereide: asfalto silenzioso da materiale riciclato
Moda
Nuova linea ready-to-wear de La Perla: sensuali giacche corsetto
Scienza e Innovazione
Esa, Vega: nel 2018 opportunità di volo per minisatelliti multipli
TechnoFun
Google crea strumento intelligenza artificiale anti-trolls
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech