lunedì 05 dicembre | 12:17
pubblicato il 19/giu/2013 12:00

Giustizia/ Cancellieri: Il carcere va considerato l'extrema ratio

"Limitare gli ingressi ricorrendo a pene detentive alternative"

Giustizia/ Cancellieri: Il carcere va considerato l'extrema ratio

Roma, 19 giu. (askanews) - Per risolvere il problema del sovraffollamento delle carceri bisogna partire "da una nuova prospettiva culturale che consideri la pena detentiva carceraria solo una fra le plurime opzioni possibili, cui debba farsi ricorso solo come extrema ratio". Così il ministro della Giustizia Anna Maria Cancellieri, intervenendo al question time di oggi alla Camera. In questo senso, ha detto ancora il ministro, "la limitazione degli ingressi può essere perseguita attraverso il ricorso" a "pene detentive non carcerarie (detenzione domiciliare e lavoro di pubblica utilità), concedibili già nella fase di cognizione all'esito del processo".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari