lunedì 05 dicembre | 10:10
pubblicato il 05/ago/2013 19:24

Giustizia: Anci, intervenga ministero su costi accorpamento uffici

(ASCA) - Roma, 5 lug - In questo momento, per i Comuni italiani, risulta inopportuno assumere formali impegni legati al pagamento delle spese di trasferimento e accorpamento degli uffici giudiziari. E' quanto fa presente l' Associazione dei Comuni Italiani (Anci), in una nota inviata a tutti i Comuni interessati.

Nel sottolineare infatti che il 25 luglio scorso l'Associazione '''ha tramesso all'attenzione del Ministero della Giustizia un quesito, rilevando che le spese in questione non possono ricadere tra le previsioni dell'art. 1 della legge 24 aprile 1941, n. 392 (che regola le spese di gestione dei tribunali) e che, in ogni caso, il D.lgs. 7 settembre 2012 n. 155 non contiene alcuna disposizione circa il fatto che tali spese debbano essere poste in carico ai Comuni accorpanti'', l'Associazione dei Comuni Italiani '''in attesa di un riscontro da parte del Ministero della Giustizia, sottolinea quindi ai Comuni coinvolti la inopportunita' di procedere a formali impegni legati alle richieste delle sedi territoriali degli uffici giudiziari''.

red-gc/

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari