martedì 06 dicembre | 02:22
pubblicato il 11/nov/2013 12:34

Giovani: dall'impiego all'impegno, al via seconda edizione 'Agenda Bain'

(ASCA) - Roma, 11 nov - Apre oggi a Milano, la seconda edizione di 'Agenda Bain per i giovani', intitolata ''I giovani sfidano il futuro: dall'impiego all'impegno''.

L'incontro, voluto e organizzato da Bain and Company, firm internazionale di consulenza strategica, ha come obiettivo quello di mettere a confronto studenti, istituzioni, universita' e top manager, per dare alle giovani generazioni risposte concrete sulle reali possibilita' di sviluppo del Paese. La sfida che Bain vuole lanciare - si legge in un comunicato - e' proprio quella di tornare a sentirsi padroni del proprio destino, in un secondo Rinascimento che riesca a far convivere le ambizioni professionali e la ricerca di successo con la qualita' dei comportamenti individuali e la crescita morale della societa' nel suo insieme. Da qui il claim dell'incontro di quest'anno ''L'impiego e l'impegno per il futuro'': l'impegno per le nuove generazioni a produrre idee veramente ambiziose che restituiscano centralita' al nostro Paese, avendo il coraggio di investire su se stessi; l'impegno a perseguire con passione e tenacia la propria strada, accettando le difficolta' e i rischi di fare impresa; l'impegno per le istituzioni a favorire questa spinta e facilitare lo sviluppo di una solida piattaforma valoriale, creando un sistema regolamentare e normativo facile e favorevole verso la giovane imprenditorialita', garantendo a tutti pari opportunita' di partenza e stimolando un salto in avanti nella digitalizzazione del Paese; l'impegno per il sistema accademico a proseguire nella formazione dei talenti favorendo un forte raccordo con il mondo del lavoro e a trasformare la ''fuga'' di cervelli in esportazione di know how e competenze, creando le premesse per valorizzare il nostro straordinario patrimonio intellettuale. L'impegno per il mondo aziendale a stimolare le grandi ambizioni, i ''sogni'' e a premiare i valori; a promuovere un contesto meritocratico e aperto ai giovani talenti.

Infine l'impegno per le istituzioni finanziarie a supportare progetti meritevoli e diventare veri facilitatori della ''presa di rischio'' per chi ha idee e talento, contribuendo alla nascita e allo sviluppo di nuove aziende, agevolando l'accesso al credito ed accettando il rischio di ''fallimento'' come nuova regola del gioco.

Punto di partenza e spunto per tracciare i temi argomentati dai relatori nella tavola rotonda, la presentazione dei risultati di un'indagine condotta da Bain su un campione di 1.000 studenti universitari e neolaureati italiani, di eta' compresa tra i 18 e i 25 anni, sul futuro, il lavoro, le istituzioni e la capacita' imprenditoriale delle giovani generazioni.

Illustrata da Giovanni Cagnoli, Ceo e cofondatore di Bain & Company Italy, ad una platea composta da centinaia di ragazzi provenienti da tutte le principali universita' italiane, la ricerca evidenzia che per gli intervistati determinazione, talento e idee chiare sono i fattori chiave per entrare nel mondo del lavoro e avere successo. Secondo la maggioranza del campione occorrono soprattutto sacrificio ed impegno, oltre ad una buona idea di partenza ed accesso ai finanziamenti. Nella top list delle priorita', quando si parla di lavoro e carriera, per i ragazzi ci sono la soddisfazione professionale, il bilanciamento tra vita privata e lavoro e il reddito. Il contratto a tempo indeterminato viene solo al 4* posto, a pari merito con l'attrattivita' della professione. Per fare carriera piu' rapidamente il 75% degli intervistati sembra disposto ad accettare un aumento delle responsabilita', il 66% trasferimenti all'estero; circa la meta' rinuncerebbe al posto fisso, di cui l'81% per i primi due, tre anni di lavoro, mentre il 64% sacrificherebbe il proprio tempo libero per i primi 5 anni di attivita'.

Oltre il 40%, pur ritenendo che in Italia ci siano i presupposti per coltivare il proprio talento, sostiene che non ci sia sufficiente meritocrazia che premi e faccia crescere i migliori. Il 79% dei ragazzi ritiene che la scuola aiuti a gettare le basi per una carriera ma di fatto non favorisca un raccordo sufficiente tra formazione e mondo del lavoro. In crescita di 3 punti rispetto al 2012 la fiducia verso le istituzioni pubbliche che, tuttavia, per il 91% non garantiscono uguali opportunita' di partenza e non incoraggiano l'imprenditorialita'.

Imprenditori e classe dirigente godono della stima dei giovani intervistati, in quanto esempio di coraggio ed eccellenza, ma sono ritenuti responsabili, oggi piu' di ieri, della mancata crescita e dello scarso inserimento di giovani talenti in ruoli chiave. Le banche infine, secondo l'88% del campione, non favoriscono l'accesso al credito e quindi la nascita e lo sviluppo di start-up. Nel corso della tavola rotonda Giovanni Cagnoli ha annunciato la disponibilita' di Bain ad offrire supporto e consulenza gratuita ai progetti di start-up piu' meritevoli che perverranno nei prossimi mesi alla casella di posta elettronica: bainperigiovani@bain.it.

com/red

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Maltempo
Allerta maltempo: temporali sulle due Isole e sulla Calabria
Immigrati
Guardia costiera: salvati 231 migranti nel Mediterraneo
Altre sezioni
Salute e Benessere
Diabete, arriva in Italia penna con concentrazione doppia insulina

Roma, 5 dic. (askanews) - Un'iniezione "morbida", più facile, e una penna con il doppio delle unità di insulina disponibili per ridurre il numero di device da gestire: un...

Enogastronomia
Festa a Roma con Heinz Beck per i 30 anni del Gambero Rosso
Turismo
Eden Travel Group, il SalvaVacanza spinge l'advance booking
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Spazio, nuovo successo per il razzo italiano Vega
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari