lunedì 05 dicembre | 03:24
pubblicato il 15/gen/2011 15:03

Giovane scomparso a Napoli nel 2009, amici accusati di omicidio

Ad uccidere Cristofaro Oliva anche il suo compagno più fidato

Giovane scomparso a Napoli nel 2009, amici accusati di omicidio

Napoli, 15 gen. (askanews) - Ad uccidere Cristofaro Oliva, il 19enne scomparso il 17 novembre 2009 a Napoli, sarebbero stati i suoi amici. Tra questi anche il suo compagno più fidato, Fabio Furlan, oggi 20enne, arrestato nella tarda serata di ieri dagli agenti della Squadra Mobile partenopea, con Karim Sadek, di origine egiziana, all'epoca dei fatti minorenne. L'accusa è omicidio premeditato, sequestro di persona e occultamento di cadavere. I due, di famiglie agiate e conosciute in città, avrebbero avuto dei diverbi con Cristofaro in merito alla coltivazione e cessione di canapa indiana. Le indagini, coordinate dalla Procura della Repubblica di Napoli e da quella per i Minorenni, sono durate circa un anno. Da quella sera del novembre 2009, la polizia ha tentato di scoprire cosa fosse accaduto al giovane universitario partendo da una telefonata ricevuta nel pomeriggio e dopo la quale Cristofaro si allontanò da casa senza farvi più ritorno. Molteplici e disperati gli appelli della madre del ragazzo, Fiorella Mormone, che più volte è stata ospite alla trasmissione televisiva 'Chi l'ha visto?' per cercare notizie del figlio scomparso. (segue)

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari