sabato 10 dicembre | 02:48
pubblicato il 10/feb/2014 16:37

Giornata Ricordo: Serracchiani, una ferita ancora sanguinante

(ASCA) - Trieste, 10 feb 2014 - ''Una ferita sanguinante, che solo la buona volonta' e un senso piu' alto e potente del nostro essere umani ci aiutera' a trasformare in insegnamento e monito perpetuo''. Con queste parole la presidente del Friuli Venezia Giulia Debora Serracchiani ha voluto ricordare oggi a Trieste - ''capitale morale dell'Esodo'', ha detto - il Giorno del Ricordo nel corso della cerimonia al Palazzo del Governo di piazza Unita' d'Italia, alla presenza del presidente del Senato Pietro Grasso, con la partecipazione del vicepresidente del Consiglio regionale Paride Cargnelutti, del prefetto Francesca Adelaide Garufi, della presidente della Provincia e del sindaco di Trieste, Maria Teresa Bassa Poropat e Roberto Cosolini, degli assessori regionali Francesco Peroni e Gianni Torrenti.

''Conservare la memoria della tragedia degli italiani e di tutte le vittime delle foibe, dell'esodo forzato dalle loro terre, diffonderne la conoscenza presso i giovani attraverso la scuola e ogni presidio educativo rappresenta un solo parziale risarcimento per i lunghi decenni durante i quali l'oblio e la rimozione erano l'indirizzo cui si attenevano anche le istituzioni repubblicane'', ha sottolineato la presidente del Friuli Venezia Giulia, regione che ''piu' di ogni altra ha conosciuto e condiviso la tragedia dell'Esodo istriano, fiumano e dalmata; che tiene alto il testimone di un obbligo storico, civile e morale che ci lega strettamente alle nostre genti dell'Adriatico orientale e alle loro sofferenze''.

''E' giusto riconoscere senza esitazioni o riserve che gli esuli istrodalmati furono gli italiani che pagarono il prezzo piu' alto, perche' il loro sacrificio non fu contato solo in vite strappate, in focolari e terre perdute, in tombe per sempre abbandonate. Piu' duro fu l'oltraggio di un'Italia vergognosa dei sui figli fuggitivi, piu' acre fu l'insulto di un'accoglienza talvolta ostile, piu' umiliante fu il subdolo negazionismo che talora riemerge''.

''Le foibe furono troppo a lungo una parola che ha diviso - ha rilevato Serracchiani - quasi che quei poveri corpi lacerati potessero essere misurati o pesati sulla bilancia delle ideologie che nel Novecento hanno trafitto il cuore d'Europa.

Nessuno osi piu' mettere in dubbio la natura di quel misfatto, nessuno ne revochi in discussione l'impronta, tutti abbassino il capo dinanzi a quelle voragini in cui furono precipitati tanti italiani ma anche croati, sloveni, partigiani monarchici, militari tedeschi, religiosi cattolici. Un delirio in cui non mancarono di insinuarsi le occasioni per regolare anche conti privati''.

Ricordando la foiba di Basovizza (oggi la presidente si e' recata a rendere omaggio sia alla foiba di Basovizza sia al monumento all'Esodo in piazza Liberta') come ''simbolo di un orrore che non va cancellato o banalmente superato'', Serracchiani ha quindi osservato come ''in tempi in cui la parola d'ordine era dimenticare, ci fu chi conservo' la memoria dei luoghi del dolore: e' merito anche della tenace e a lungo oscura opera resa dalle Associazioni degli Esuli se quel luogo ha avuto una degna consacrazione. Ma e' tutto il popolo dell'Esodo che deve essere ringraziato, per la forza con cui tante famiglie seppero silenziosamente ricostruirsi le loro vite, anche affermandosi nel mondo, spesso nelle nuove terre verso cui migrarono alla ricerca di miglior fortuna''.

''Sappiamo che fu un percorso difficile, quello che intrapresero gli italiani d'Istria, di Fiume e della Dalmazia, dopo essersi lasciati alle spalle beni e speranze.

Furono velate dal pudore le tappe piu' tristi. Il nostro ricordo sia dedicato anche agli anni consumati e alle giovinezze sbocciate in quei luoghi, ancora troppo poco conosciuti, dove interi nuclei familiari hanno vissuto nella promiscuita' di pochi metri quadrati: i centri di smistamento e i Centri raccolta Profughi, il Silos a Trieste, via Pradamano a Udine, il campo di Padriciano sul Carso, i tanti luoghi simili in tutta Italia''.

Su questa tragedia il ''clima nuovo, una nuova consapevolezza'' venne raggiunta nel 2004 dall'approvazione a larghissima maggioranza della legge istitutiva del Giorno del Ricordo: ''vorrei guardare a quel momento come a una manifestazione di alta responsabilita' politica, in cui si e' saputo e voluto guardare alla sostanza delle cose e al buon diritto, prima che preoccuparsi di marcare le differenze''.

Un atto istituzionale che ''la Repubblica Italiana ha compiuto rendendo giustizia a un male subi'to dai suoi figli.

Credo che, nella luce nuova e piu' limpida proiettata dall'Europa sulle terre di quello che fu il confine orientale, dovrebbe essere possibile auspicare una condivisione da parte dei Paesi vicini e amici.

Tutti ebbero le loro vittime innocenti, e forse soffermarsi assieme su una dolorosa memoria comune potrebbe essere occasione di un'ancora piu' stretta condivisione del futuro''.

''Certo, per molti che hanno vissuto l'Esodo sulla pelle, capisco che e' difficile sentire appelli di riconciliazione.

Le esperienze vissute e le ferite dell'anima individuale non sono freddi fatti storici, ne' fasi oggettive da cui si possa prendere congedo con atti di volonta'. Io che non voglio perdere la speranza nel dono soggettivo della pacificazione interiore, mi inchino con rispetto - ha affermato Serracchiani - a quanti hanno vissuto i soprusi, le violenze e l'esilio per il loro essere Italiani, e che sono ancora tra noi pulsanti e preziosi testimoni: essi sono il Ricordo in carne e ossa'', ha concluso la presidente.

fdm/mau

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Natale
Albero rosso e oro per il Natale alla Galleria Alberto Sordi
Roma
Trovato a Roma cadavere,potrebbe essere giovane cinese scomparsa
Immigrati
Papa: nel presepe rivediamo dramma dei migranti sui barconi
Altre sezioni
Salute e Benessere
Orecchie a sventola, clip rivoluziona intervento chirurgico
Enogastronomia
Furono i sardi i primi a produrre vino nel Mediterraneo
Turismo
Confesercenti: alberghi prenotati al 75% per Ponte Immacolata
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
All'Isola della Sostenibilità il mondo dell'economia circolare
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Europei, Olimpiadi e terremoto, il 2016 su Facebook in Italia
Motori
Flash Mob ai Fori per Amatrice con la Ferrari del record in Cina