domenica 04 dicembre | 03:19
pubblicato il 17/gen/2011 18:31

Giornalisti/ Nuove minacce a Rega: "Nel nome di Allah sei morto"

"Ho paura ma non mollo", dice il cronista di Televideo

Giornalisti/ Nuove minacce a Rega: "Nel nome di Allah sei morto"

Potenza, 17 gen. (askanews) - "Nello Rega, nel nome di Allah sei morto anche se la Polizia ti aiuta". Comincia così, ha riferito il giornalista Rega di Televideo Rai, una lettera minatoria che ha trovato nella buca della posta della sua casa di Roma. Il giornalista, autore di un libro sulla convivenza tra cristiani e musulmani ("Divisi e diversi"), ha denunciato di aver subito diverse minacce tra cui l'episodio accaduto il 7 gennaio scorso in cui, ha riferito Rega, una macchina ha affiancato la sua e sono stati esplosi alcuni colpi di arma da fuoco. Per il giornalista la lettera che dice di aver ricevuto oggi sarebbe la "rivendicazione di quell'attentato". Dopo quell'episodio il comitato provinciale per l'ordine e la sicurezza pubblica si è riunito a Potenza, sua città di origine, e gli ha assegnato un'automobile di servizio e un agente di scorta. "Ho paura - ha detto Rega - ma non mollo".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari