domenica 22 gennaio | 20:20
pubblicato il 09/dic/2013 16:15

Giochi: gli italiani spendono meno per tentare la fortuna

Giochi: gli italiani spendono meno per tentare la fortuna

(ASCA) - Roma, 9 dic - Il mercato dei giochi segna la prima battuta d'arresto da quando e' stato completamente liberalizzato nel 2004. Il 2013 - secondo le stime Agimeg - registra il primo saldo negativo sia in termini di raccolta (la somma delle giocate), sia in termini di spesa effettiva (ossia le giocate al netto delle vincite). La raccolta, infatti, si attesta a 85,4 miliardi di euro, oltre 2,1 miliardi (quasi il 2,5%) in meno rispetto a un anno fa. La spesa effettiva invece cala di circa 700 milioni (il 4%) e scende a 16,7 miliardi di euro. Il 2013 si dovrebbe chiudere con vincite tornate nelle tasche degli appassionati per 68,8 miliardi di euro. Trend in calo anche per l'Erario che nel 2013 deve rinunciare a circa 150 milioni (il 2,5% in meno sul 2012): in totale incassa poco piu' di 7,8 miliardi. In pratica il gettito si attesta poco al di sopra dei livelli del 2008, sebbene l'offerta di gioco sia molto piu' ampia di allora. Forte invece la contrazione rispetto agli anni successivi quando il gettito ha sempre superato gli 8 miliardi: tra il 2009 e il 2011 addirittura oscillava tra gli 8,6 e gli 8,8 miliardi per anno.

La raccolta dei giochi nel 2013 si attesta a 85,4 miliardi di euro e registra una contrazione del 2,5% rispetto a un anno fa. La spesa per i giochi online, con poker e casino' in testa, rimane stabile rispetto ai valori dello scorso anno, intorno ai 550 milioni di euro. Crescono le giocate solo - secondo le stime di Agimeg - del Lotto e del 10eLotto (6,3 miliardi nel 2013, +2% circa). Tutti gli altri prodotti sono in perdita invece, a iniziare dalle newslot, tradizionalmente il gioco che incassa di piu'. Nel 2013 le giocate delle slot si fermano a 25,1 miliardi di euro, oltre l'8% in meno rispetto a un anno fa. Un crollo che non viene compensato dalle videolottery - le macchine di ultima generazione - che riportano una crescita marginale sul 2012 raggiungendo i 21,6 miliardi di euro. Calano del 1,2% le lotterie tradizionali e istantanee (circa 9,6 miliardi di raccolta) e le scommesse sportive che perdono il 5,5% (3,8 miliardi). Piu' consistenti le perdite per il bingo (-15,5%, pari a 1,5 miliardi) e per le scommesse ippiche (-16,5%, 850 milioni). I giochi numerici a totalizzatore (Superenalotto e simili) lasciano sul campo il 22% delle giocate (per una raccolta di 1,4 miliardi). red/mar

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Maltempo
Valanga hotel Rigopiano, il numero dei dispersi sale a 24
Maltempo
Rigopiano: si continua a scavare sotto la pioggia. Rischio slavine
Maltempo
Hotel Rigopiano, Curcio: c'è speranza di trovare dispersi vivi
Terremoti
Terremoto, pres. Grandi rischi: dighe Campotosto rischio Vajont
Altre sezioni
Salute e Benessere
Nuove postazioni di telemedicina italiana no profit in Africa
Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Formaggi, yogurt, mozzarelle: ora obbligatorio indicare l'origine dellatte
Turismo
Via in Uruguay i 40 giorni del carnevale, il più lungo del mondo
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Spazio: da Cassini primo piano per Dafni, piccola luna di Saturno
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4