venerdì 02 dicembre | 21:15
pubblicato il 27/mar/2014 12:21

Giochi: Donzelli (psicologo), un giocatore su 5 a rischio ludopatia

(ASCA) - Roma, 27 mar 2014 - ''Dei 15 milioni di italiani che giocano abitualmente, circa il 20% sia a rischio di diventare dipendente''. Lo ha detto il dott. Renzo Donzelli, psicologo e psicoterapeuta-gruppoanalista, intervenendo al convegno ''Gioco, salute e tutela del cittadino. Verso il modello europeo'' che si sta svolgendo al Senato. Donzelli ha sottolineato che ''l'Italia con 18,4 miliardi di euro di spesa effettiva rappresenta oltre il 15% del mercato europeo del gioco e oltre 4,4% del mercato mondiale, nonostante abbia solo l'1% della popolazione mondiale. La spesa pro-capite stimata, per ogni italiano maggiorenne, e' stata pari a circa 1.703 euro,nei primi 8 mesi 2012. Tale spesa varia da 2.110 euro a testa in Abruzzo e 2.078 euro nel Lazio, passando a 1.853 dell'Emilia Romagna, per arrivare al minimo di 1.262 euro in Basilicata''. Donzelli - informa l'Agimeg - e' quindi passato all'esame delle percorso che effettua il giocatore patologico. Il primo stadio viene definito fase ''vincente'', in cui il gioco e' occasionale e sostanzialmente rappresenta un rimedio a altri disturbi come la depressione; a fase ''perdente'', in cui il gioco diventa solitario, aumentano la quantita' di denaro e tempo investiti e in generale il gioco diventa un pensiero fisso, non si riesce a smettere, si registrano perdite prolungate, si utilizzano coperture e menzogne. Si sviluppano insomma i sintomi della dipendenza. Segue quindi la fase di disperazione, caratterizzata dal marcato aumento del tempo e del denaro dedicati al gioco, isolamento sociale, crisi di panico, e comportamenti illeciti. E' la fase in cui la vita sociale del giocatore subisce i maggiori contraccolpi, spesso si verificano infatti arresti e divorzi. Si passa quindi a una fase ''critica'', in cui si nutrono una forte speranza e un desiderio di aiuto. E' la fase in cui si torna a lavorare e si pianifica un risarcimento per i debiti contratti. In questo modo si riesce a passare alla fase di ''ricostruzione'', in cui migliorano l'autostima e i rapporti familiari, si pianificano nuovi obiettivi, il giocatore prova una maggiore rilassatezza. Infine c'e' la fase di crescita caratterizzata da una diminuzione delle preoccupazioni legate al gioco, una maggiore introspezione, e un nuovo stile di vita. Il giocatore patologico, secondo Donzelli, e' ''un soggetto tanto euforico quanto vuoto, senza facolta' di regolare le proprie pulsioni, in balia della potenza acefala dell'Es, da un lato, e un'evaporazione, contrazione del valore della dimensione della parola. Il risultato e' un parlare a vuoto (le parole - diceva un paziente dedito al gioco d'azzardo - sono aria fritta): viene meno la possibilita' di accedere alla dimensione simbolica della parola, che nel corso del trattamento psicoterapico assume piuttosto una valenza minacciosa ancorche' un'opportunita' di crescita. Il giocatore patologico non fronteggia un conflitto tra esigenze pulsionali e ideali sociali, ma assegna un primato incondizionato all'oggetto di godimento, il gioco appunto''. E quindi, citando Anders ''il bisogno odierno segue alle calcagna il consumo divenendo, simile alla tossicomania, poiche' risponde a imperativi dettati da specifiche merci, quelle merci che hanno la proprieta' di produrre bisogni che si moltiplicano''. red/mar

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Inchiesta Roma
Mafia Capitale, altro processo: chiesto giudizio per 24 persone
Criminalità
Roma, imprenditore sequestrato e seviziato per usura: 3 arresti
Censis
Bullismo, oltre metà 11-17enni ha subìto comportamenti offensivi
Censis
Censis: paura degli stranieri, immigrazione preoccupa 44% italiani
Altre sezioni
Salute e Benessere
Medici: atleti tendono a sovrastimare problemi cardiovascolari
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari