mercoledì 07 dicembre | 17:21
pubblicato il 04/feb/2013 18:16

Giochi: cresce raccolta ma giu' spesa effettiva (-7%) ed entrate (-6,3%)

(ASCA) - Roma, 4 feb - La raccolta del settore giochi in Italia cresce nel 2012, ma le entrate erariali che ne derivano sono in calo. Nell'anno appena passato, secondo le stime dell'Agenzia delle dogane e dei Monopoli illustrate durante il Legal Gaming Summit di Londra, il comparto dei giochi pubblici ha raccolto oltre 84 miliardi contro gli 80 miliardi del 2011, ma nelle casse dello Stato sono finiti 8,1 miliardi - di cui 7,9 miliardi dal gioco fisico e 200 milioni da quello online - contro gli 8,65 miliardi del 2011, un calo quantificabile nel 6,3%. Un ''controsenso'' che, come si legge su Agipronews, si spiega con l'introduzione di nuovi giochi (come il poker cash e i casino' online) che prevedono un payout (la quota di vincite che torna agli giocatori) elevatissimo, in alcuni casi fino al 97%. Vuol dire si vince di piu' e cala quindi la spesa effettiva (la raccolta complessiva meno le somme tornate in vincita), su cui grava il prelievo erariale. Nel 2012, anche per questo meccanismo la spesa netta degli italiani nel settore giochi e' calata del 7%, scendendo a 17,1 miliardi contro i 18,4 miliardi dell'anno precedente. Nel dettaglio, 16,4 miliardi sono stati spesi nel gioco fisico, mentre 735 milioni nell'online.

Complessivamente, il settore attraverso cui e' passata la maggior parte delle puntate e' stato quello delle slot machine e delle Videolotteries (delle slot ''potenziate'' con jackpot fino a 500mila euro) con il 53,6% di quota di mercato, seguite dai gratta e vinci con 34,7% e scommesse sportive e ippiche con il 5,8%. Poker online e casino' games ottengono il 3%, poco piu' del bingo (2,9%). L'Agenzia delle Dogane e dei Monopoli conferma che nel 2013 arriveranno altre novita': si potra' goicare al lotto anche su internet, arriveranno le scommesse virtuali (le puntate su eventi simulati da specifici terminali di gioco nelle agenzie), quelle su gossip e costume (con l'apertura del palinsesto su richiesta per gli operatori) e potrebbe partire anche in Italia il betting exchange, il sistema di gioco online in cui gli utenti possono decidere di vestire i panni del bookmaker e accettare scommesse.

red/mar

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Camorra
Intreccio camorra-politica: 11 arresti in Irpinia
Droga
Frosinone, blitz antidroga di Polizia e Carabinieri: 50 arresti
Sicurezza
Gabrielli: militari non c'entrano con controllo territorio
Papa
Papa: Stato laico meglio che confessionale, ma no laicismo
Altre sezioni
Salute e Benessere
Robot indossabile ridà capacità di presa a persone quadriplegiche
Enogastronomia
Domenica 11 dicembre Cantine aperte a Natale
Turismo
Con Volagratis Capodanno low cost da Parigi al Mar Rosso
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
Roma, domani al via la terza "Isola della sostenibilità"
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Ricerca, da 2018 l'ERC tornerà a finanziare team multidisciplinari
Motori
Nuova Leon Cupra, più potenza e migliori prestazioni