domenica 04 dicembre | 02:52
pubblicato il 18/set/2013 13:04

Gino Strada: emergenza immigrati affrontata con razzismo

Fondatore di Emergency su Siria no a illegalità internazionale

Gino Strada: emergenza immigrati affrontata con razzismo

Palermo, (askanews) - Da sempre in prima linea per portare soccorso nelle situazioni di crisi e di conflitto, Gino Strada ospite a Palermo della "Settimana delle culture" non risparmia critiche all'Italia sulla gestione dell'emergenza immigrazione. "L'emergenza immigrati - ha detto Strada - è stata affrontata con una logica assolutamente razzista da chi doveva affrontarla, cioè la classe politica. Si sono fatti dei lager, dei campi di concentramento dei centri d'espulsione. Tutto tranne che accogliere aiutare queste persone".Il fondatore di Emergency ha raccontato i vent'anni della sua associazione, poi ha affrontato la questione Siria e ha denunciato come gli americani di fatto agiscano fuori dalle Nazioni Unite. "In questa illegalità internazionale, che porta a commettere crimini di guerra non mi riconosco, e credo che sia una vergogna il fatto che nessuno ricordi che esiste l'ONU, il Consiglio di sicurezza, che e senza di questo si parla di aggressione militare di un altro Paese".Strada ha categoricamente smentito un suo ingresso in politica, nonostante sia stato indicato dal Movimento 5 Stelle come possibile candidato alla Presidenza della Repubblica.

Gli articoli più letti
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari