domenica 04 dicembre | 05:05
pubblicato il 29/nov/2012 21:58

Gettò il figlio nel Tevere, pm chiede condanna a 30 anni

Giudizio abbreviato davanti al giudice Adele Rando

Roma, 4 dic. (askanews) - Condannare a 30 anni di reclusione Patrizio Franceschelli, il papà che gettò nel Tevere il figlio Claudio, di sedici mesi dopo aver discusso con la moglie. Questa la richiesta della Procura di Roma davanti al gup Adele Rando nell'ambito del procedimento in abbreviato. I fatti oggetto del procedimento riguardano quanto avvenne lo scorso 4 febbraio. Per Franceschelli l'accusa è omicidio volontario aggravato dal vincolo di parentela. Il giudice nella scorsa udienza ha accolto la richiesta del Comune di Roma di costituirsi parte civile. Una perizia ha stabilito che Patrizio Franceschelli al momento del fatto era capace di intendere e volere.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari