mercoledì 07 dicembre | 13:42
pubblicato il 08/feb/2012 15:13

Getta figlio nel Tevere, padre resta in carcere: non mi do pace

Interrogatorio di convalida a Regina Coeli

Getta figlio nel Tevere, padre resta in carcere: non mi do pace

Roma, 8 feb. (askanews) - Deve restare in una cella di Regina Coeli, Patrizio Franceschelli, il giovane che ha ucciso il figlio di 16 mesi gettandolo nel Tevere. Il gip del tribunale di Roma, Riccardo Amoroso, ha emesso una ordinanza di custodia cautelare in carcere. Il giudice ha anche disposto che Franceschelli venga sorvegliato a vista, perché non si esclude un atto di autolesionismo. "Non riesco a darmi pace di quanto accaduto", ha ripetuto l'indagato, secondo quanto riferito dal difensore.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Droga
Frosinone, blitz antidroga di Polizia e Carabinieri: 50 arresti
Papa
Il papa: le chiese siano oasi di bellezza in periferie degradate
Papa
Papa: terrorismo ammala e deforma religione, non c'è Dio di odio
Camorra
Controllo piazze spaccio nel Salernitano: 21 ordinanze cautelari
Altre sezioni
Salute e Benessere
Robot indossabile ridà capacità di presa a persone quadriplegiche
Enogastronomia
Veronafiere,Danese:con Vinitaly salto qualità nei paesi asiatici
Turismo
Con Volagratis Capodanno low cost da Parigi al Mar Rosso
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Astronomia, materia oscura meno densa e più diluita nello spazio
Motori
Nuova Leon Cupra, più potenza e migliori prestazioni