mercoledì 18 gennaio | 01:28
pubblicato il 08/feb/2012 15:13

Getta figlio nel Tevere, padre resta in carcere: non mi do pace

Interrogatorio di convalida a Regina Coeli

Getta figlio nel Tevere, padre resta in carcere: non mi do pace

Roma, 8 feb. (askanews) - Deve restare in una cella di Regina Coeli, Patrizio Franceschelli, il giovane che ha ucciso il figlio di 16 mesi gettandolo nel Tevere. Il gip del tribunale di Roma, Riccardo Amoroso, ha emesso una ordinanza di custodia cautelare in carcere. Il giudice ha anche disposto che Franceschelli venga sorvegliato a vista, perché non si esclude un atto di autolesionismo. "Non riesco a darmi pace di quanto accaduto", ha ripetuto l'indagato, secondo quanto riferito dal difensore.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Bancarotta
Bancarotta, a Reggio Calabria 7 ordinanze cautelari
Cucchi
Cucchi, pm contesta omicidio preterintenzionale a 3 carabinieri
Immigrati
Naufragio nel Mediterraneo, a Trapani 38 superstiti e 4 vittime
Maltempo
Abruzzo ancora al buio, duecentomila persone senza corrente
Altre sezioni
Salute e Benessere
Salute: nuovi Lea in arrivo. In vigore dopo pubblicazione su G.U.
Motori
Moto, Ducati e Diesel insieme per una Diavel post-apocalittica
Enogastronomia
Nel 2016 consumi alimentari fuori casa +1,1%, domestici -0,1%
Turismo
Nel 2016 Roma è stata la meta italiana preferita dagli europei
Energia e Ambiente
L'Enel porta energia "verde" all'ambasciata italiana di Abu Dhabi
Moda
Moda, nasce Brandamour, nuovo polo del lusso Made in Italy
Scienza e Innovazione
Nell'Universo ci sono almeno due trilioni di galassie
TechnoFun
Rischi del web, ecco le 8 truffe che colpiscono gli italiani
Sistema Trasporti
Dal 26 marzo al via i nuovi voli da Milano-Malpensa