lunedì 27 febbraio | 11:37
pubblicato il 08/feb/2012 15:13

Getta figlio nel Tevere, padre resta in carcere: non mi do pace

Interrogatorio di convalida a Regina Coeli

Getta figlio nel Tevere, padre resta in carcere: non mi do pace

Roma, 8 feb. (askanews) - Deve restare in una cella di Regina Coeli, Patrizio Franceschelli, il giovane che ha ucciso il figlio di 16 mesi gettandolo nel Tevere. Il gip del tribunale di Roma, Riccardo Amoroso, ha emesso una ordinanza di custodia cautelare in carcere. Il giudice ha anche disposto che Franceschelli venga sorvegliato a vista, perché non si esclude un atto di autolesionismo. "Non riesco a darmi pace di quanto accaduto", ha ripetuto l'indagato, secondo quanto riferito dal difensore.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Biotestamento
Dj Fabo in Svizzera, visite mediche per decidere l'eutanasia
Criminalità
Rapine ed estorsioni a Napoli, 47 misure cautelari
Campidoglio
Roma, Colomban: progetto taglio partecipate senza licenziamenti
'Ndrangheta
'Ndrangheta, sequestrati a imprenditore colluso beni per 2,5 mln
Altre sezioni
Salute e Benessere
Fibrosi polmonare idiopatica, al Gemelli seminario internazionale
Motori
L'agricoltura del futuro: Case IH presenta il trattore autonomo
Enogastronomia
Ricerca Gfk: l'identikit dei nuovi consumatori al supermercato
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
Progetto Life-Nereide: asfalto silenzioso da materiale riciclato
Moda
Nuova linea ready-to-wear de La Perla: sensuali giacche corsetto
Scienza e Innovazione
Esa, Vega: nel 2018 opportunità di volo per minisatelliti multipli
TechnoFun
Google crea strumento intelligenza artificiale anti-trolls
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech